Metsola e Nardella: campagna per donare generatori elettrici a Kiev

Nardella e Metsola

A causa dei continui attacchi alle infrastrutture, in Ucraina più del 30% delle centrali elettriche sono state danneggiate o distrutte, lasciando milioni di cittadini senza elettricità.
Per questo, la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola e Dario Nardella, sindaco di Firenze e presidente di Eurocities – la rete delle oltre 200 città più grandi d’Europa – hanno lanciato l’iniziativa “Generatori di speranza” che invita i centri europei a fornire ai cittadini ucraini generatori di corrente e trasformatori.

“Questi generatori – scrive l’Eurocamera – contribuiranno a mantenere in funzione le strutture essenziali del Paese, fornendo energia a ospedali, impianti di approvvigionamento idrico, centri di soccorso, rifugi, antenne telefoniche e altro ancora”.
“Il Parlamento e l’Ue hanno dimostrato una notevole solidarietà nei confronti dell’Ucraina sul fronte umanitario, militare e finanziario. Ora i cittadini hanno bisogno di sostegno concreto per superare l’inverno. Invito tutte le città, i paesi e le regioni d’Europa ad aderire alla campagna ‘Generatori di speranza’. Insieme possiamo fare la differenza”, ha detto Metsola.

generatori Germnia
I generatori donati dalla Germania sono già in vendita su internet

“Fin dall’inizio della guerra, Eurocities si è mobilitata per sostenere l’Ucraina. Il 19 agosto abbiamo firmato a Kiev un memorandum d’intesa per sostenere la ricostruzione del Paese. Ora ci coordineremo con oltre 200 grandi città insieme alle nostre organizzazioni partner e, con la presidente Metsola, faremo tutto il possibile per offrire un aiuto diretto al popolo ucraino”, ha dichiarato Nardella.

“La prossima settimana, in occasione della nostra annuale Piattaforma di Cooperazione Eurocities a Vienna, presenteremo in dettaglio l’iniziativa alle oltre 80 città partecipanti. In qualità di sindaci, i miei colleghi e io conosciamo l’importanza dei servizi locali. Lanciando questo appello diretto alle città per unirsi e aiutare l’Ucraina donando generatori e trasformatori, possiamo contribuire a garantire che le città ucraine siano in grado di gestire al meglio la loro vita quotidiana. Dobbiamo agire immediatamente: l’inverno è alle porte, mancano elettricità e gas, non c’è tempo da perdere”, ha aggiunto.

“Quello che stiamo cercando di fare è garantire che entro pochi giorni sia possibile consegnare un gran numero di generatori. Siamo pronti a lanciare un appello non solo ai nostri membri – ha sottolineato Nardella -, ma anche agli altri sindaci europei, per coinvolgere le persone in una campagna di solidarietà, in modo che questi generatori di elettricità possano essere inviati alle città ucraine con il sostegno delle istituzioni europee e, in primo luogo, del Parlamento europeo”.

“Siamo orgogliosi che gli europei e le loro istituzioni, come il Parlamento europeo ed Eurocities, siano oggi al fianco dell’Ucraina nel rispondere alle tattiche terroristiche della Russia contro i cittadini ucraini”, ha affermato Andriy Yermak, capo dell’Ufficio del Presidente ucraino Zelenskyy.
www.tgcom24.mediaset.it

 

Articoli recenti

2 thoughts on “Metsola e Nardella: campagna per donare generatori elettrici a Kiev

  1. Provate a portali ai terremotati italiani visto che da anni sono in baracche che riscaldarle costano cifre esorbitanti di euro! E pensate sono oltre 5 anni in questa situazione e voi, da 12 anni al governo, non li avete ancora sistemati! Pare che pensare all’Italia e agli italiani per i PD, oggi neoliberisti, sia un peccato mortale. Da anni pensate all’inclusione, ius scholae, clandestini, Ucraina, dove siamo partecipi alla guerra mandando denaro e armi e adesso fate pure la campagna per donare generatori elettrici a Kiev. Mah, incredibile, impensabile, irragionevole, senza senso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *