Troppi incidenti stradali, Mattarella: incentivare i trasporti pubblici

Mattarella sviluppo più sostenibile

“L’elevato numero di persone che perdono la vita o che rimangono gravemente ferite sulle nostre strade costituisce una sofferenza sociale inaccettabile. Le vittime del traffico stradale sono un prezzo che la comunità non può tollerare. In questa Giornata mi unisco nel ricordo delle vittime e dei feriti ed esprimo vicinanza ai loro familiari. Se si considerano le vite stroncate e le lesioni gravi riportate da ciclisti, pedoni, anziani, disabili, utenti vulnerabili della strada, emerge con chiarezza quanto sia prioritario rafforzare la sicurezza nella mobilità. Sono intollerabili inoltre i dati relativi alle vittime di incidenti con età inferiore ai diciotto anni”. Lo dichiara il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della Giornata Mondiale del Ricordo delle Vittime della Strada.

“Per garantire l’integrità della vita è indispensabile una attenta e condivisa azione sinergica tra istituzioni, società civile e industria. Vanno perseguiti gli obiettivi previsti dal Quadro strategico dell’Unione europea. Rendere meno pericolose le nostre strade richiede anche l’adozione di standard di sicurezza più esigenti per mezzi e infrastrutture e implica incentivare nuovi modelli di mobilità e la promozione di trasporti pubblici più diffusi ed efficienti nelle relazioni tra i territori. È evidente inoltre come sia di primaria importanza sviluppare al massimo la diffusione di una cultura della responsabilità di ogni conducente volta ad accrescere la consapevolezza dei rischi a cui ciascuno di noi è esposto e a cui espone la vita degli altri quando è alla guida di un veicolo”, conclude il Capo dello Stato.  (ADNKRONOS)

 

Articoli recenti

One thought on “Troppi incidenti stradali, Mattarella: incentivare i trasporti pubblici

  1. Mi piacerebbe sapere quanti incidenti coinvolgono solo veicoli non motorizzati e pedoni.
    Se solo il 9% degli incidenti avviene in autostrada, cosa significa?
    Se i ciclisti ed i monopattinisti godono di una impunità quasi assoluta, il signor Mattarella non si lamenti.

Comments are closed.