UE, Metsola: “sia ben chiaro, l’Ucraina deve vincere la guerra”

Roberta Metsola

Si preannuncia un inverno importante pieno di sfide per l’Unione europea. La guerra in Ucraina, il prezzo dell’energia. La presidente del parlamento europeo, Roberta Metsola, in una intervista a “Libero Quotidiano” spiega quali saranno le azioni che la Ue dovrà intraprendere. Per quanto riguarda lo strumento per far terminare la guerra della Russia contro l’Ucraina:

Prima di tutto, voglio che sia ben chiaro che l’Ucraina deve vincere la guerra. La pacificazione non è un’opzione. Non ha mai funzionato e non funzionerà mai. Da parte del Parlamento europeo, continueremo a sostenere l’Ucraina. Più concretamente, considerando l’escalation da parte del Cremlino, ciò di cui l’Ucraina ha urgentemente bisogno da parte nostra è il sostegno militare, come l’armamento pesante, i carri armati e i sistemi di difesa aerea. Gli otto pacchetti di sanzioni già approvati stanno funzionando”.

“Tuttavia, – incalza Metsola – dovremmo andare oltre. Dobbiamo anche prevedere le conseguenze della guerra. Il Parlamento europeo ha già manifestato il suo sostegno all’istituzione di un tribunale speciale internazionale, per far sì che tutti i responsabili rispondano delle loro azioni”. L’Italia avrà per la prima volta un presidente del Consiglio donna: “Ho sempre detto che ho fiducia nella democrazia e nel processo democratico. Da questo momento in poi, ciò che è importante per l’Europa è che l’Italia, membro fondatore dell’Ue, mantenga la sua rotta pro-europea e rimanga una forza costruttiva in Europa. Ciò che ho sentito finora dal premier Meloni, e da tutti gli altri leader italiani con cui ho parlato, va in questa direzione. Sono particolarmente incoraggiata dalla conversazione con il premier per quanto riguarda l’invasione russa dell’Ucraina e le sue posizioni sul nostro progetto comune europeo”, ha concluso Metsola. (agenzianova.com)

 

Articoli recenti