Rave, Michela Murgia: “drogarsi e ubriacarsi non è reato”

Michela Murgia

Michela Murgia ospite di Otto e Mezzo su La7 nella puntata di martedì 1 novembre. Dopo aver definito Giorgia Meloni “una nemica delle donne”, è Lilli Gruber a chiederle un suo commento sui primi provvedimenti del governo. In particolare sulla stretta sui rave party. E la scrittrice non se lo fa ripetere due volte: “Si tratta di un intervento da stato di polizia, lo dicono i giuristi.”
Il giurista Mirabelli (ex Consulta) chiarisce le idee ai fanatici dello sballo: “Il Decreto rave party non è liberticida”

“Per me è l’idea di dare un segnale di stop alla tolleranza”. Insomma, la scrittrice difende il raduno illegale: “Lì non si stavano commettendo reati, io vorrei ricordare che in questo paese assumere stupefacenti non è un reato e neppure ubriacarsi fino a sfasciarsi. Questa è una legge assurda”.

“Il capannone era pericoloso anche per loro”, interviene Alessandro Giuli che cita Stefano Bonaccini: “Il governatore del Pd, che non è di destra, ha ringraziato il governo. Gli agenti hanno usato la persuasione e non la forza, quindi”. Ma la Murgia non intende sentire ragioni: “A questo punto anche un addio al celibato rischia di diventare un reato”.

Non finisce qui, perché la scrittrice cita i medici no vax, ricordando che “loro invece non minano la sicurezza” dei pazienti. E ancora: “Ogni volta avremo una commissione di sicurezza per vigilare su quanto fatto dal governo precedente?”. Il riferimento della Murgia è chiaro: l’esecutivo ha proposto di verificare l’operato in merito alla pandemia.  liberoquotidiano.it

 

Articoli recenti