Milano, violenta rissa tra migranti a colpi di bottiglia

rissa tra migranti

Mega rissa tra migranti in via Lecco, in zona Porta Venezia a Milano. Venerdì sera movimentato nel noto quartiere multiculturale: intorno alle 22 alcune persone si sono azzuffate per ragioni ancora da chiarire. Sono intervenuti i carabinieri del Nucleo Radiomobile, che alla fine hanno arrestato un somalo di 32 anni e un eritreo di 26. Si tratta di due persone senza fissa dimora, con precedenti penali contro la persona e droga. Oltre ai due, i militari hanno denunciato in stato di libertà un sudanese 32enne e ancora ignoto ai taccuini delle forze dell’ordine. Sono tutti accusati di rissa aggravata.

In particolare, stando alla ricostruzione dei comando provinciale, al loro arrivo il somalo e il sudanese se le stavano dando di santa ragione a colpi di bottiglia di vetro. Solo la presenza dei carabinieri ha interrotto la sanguinosa lite. L’eritreo – che i testimoni collocano nella zuffa fino a pochi minuti prima – è stato invece bloccato mentre cercava di fuggire. Dei tre era l’unico illeso.

Per il somalo e il sudandese, infatti, è stato necessario il trasferimento in ospedale. Tre ambulanze e un’automedica sono intervenute in via Lecco per i soccorsi. Stando al report dei militari, il somalo ha riportato escoriazioni alle braccia e un taglio alla mano destra. Ad aver la peggio è stato il sudanese: ha riportato delle ferite lacero-contuse al volto e alle braccia. È stato ricoverato al Policlinico per le cure del caso. Non è andata meglio all’eritreo, rimato sì illeso, ma beccato con un grammo di cocaina e segnalato ai sensi dell’articolo 75 dpr 309/90.

Un agosto difficile per Porta Venezia

Il punto dove è scoppiata la rissa non è lontano dall’area dove pochi giorni addietro un eritreo ha accoltellato una donna, che l’aveva rifiutato dopo un matrimonio combinato nel loro paese d’origine. Sempre lì, ai Bastioni di Porta Venezia, a inizio agosto una persona era stata aggredita a colpi di pietra sulla testa, ed era stata abbandonata in mezzo alla strada.  www.milanotoday.it

Condividi

 

Articoli recenti