Azovstal, comandante Samoilenko: “siamo condannati”

Illya Samoilenko

Ucraina, comandante Azovstal: siamo condannati. Secondo Ilya Samoilenko, 27enne comandante in seconda dell’ultimo reparto che resiste nel complesso siderurgico di Azovstal, a Mariupol, “a meno che non avvenga un miracolo, siamo condannati. E’ solo questione di giorni”.

Così Ilya Samoilenko, 27enne comandante in seconda dell’ultimo reparto che resiste nel complesso siderurgico di Azovstal, a Mariupol, parla in un’intervista a La Repubblica.

La situazione ad Azovstal è “la stessa di ieri e dell’altro giorno e di quello prima ancora – racconta Samoilenko – ormai sono sette giorni, forse otto, ho perso il conto, che il tempo non scorre più, che non riusciamo più a distinguere il giorno dalla notte; otto giorni che la pressione del nemico aumenta, che attacca con forza usando i carrarmati, i cannoni della marina, gli aerei, tutto”.  tgcom24.mediaset.it

Mosca: “i miliziani Azov sono criminali di guerra, no ai negoziati”

Condividi

 

bresup

Articoli recenti