Zelensky: “Se Mosca uccide i soldati rimasti a Mariupol, interrompiamo i negoziati”

Volodymyr Zelensky

Se Mosca uccide i soldati rimasti a Mariupol, Kiev abbandonerà i negoziati con la Russia. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in una conferenza stampa a Kiev.

Zelensky: “Se arrivano armi respingeremo I russi dal Donbass”

“Vorremmo che lo scenario di Kiev si ripetesse nel Donbass. Ricordo che i carri armati erano alle porte della capitale. In questo momento i russi hanno temporaneamente occupato il Donbass. Ma se arriveranno armamenti adeguati, il Donbass può tornare nelle nostre mani. Stiamo respingendo l’attacco di un potente esercito”. Lo ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, nella conferenza stampa con i media internazionali a Kiev

Zelensky: voglio vedere Putin per soluzione diplomatica

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ribadito che per arrivare a una “soluzione diplomatica” e fermare la guerra serve un incontro tra lui e il leader russo Vladimir Putin. “Dobbiamo cercare di raggiungere questo obiettivo – ha affermato Zelensky in una conferenza stampa a Kiev – ma dalla Russia non vediamo questo. Dicono una cosa e poi fanno l’opposto”. Rispondendo a una domanda sui sospetti piani russi di assassinarlo, ha detto: “Non ho diritto ad aver paura, perché il nostro popolo ha mostrato di non aver paura di nulla”.  tgcom24.mediaset.it

Condividi