Kuleba: “al Consiglio atlantico chiedo armi, armi, armi”

Zelensky

Il nuovo pacchetto di sanzioni alla Russia decise dall’Occidente “sembra efficace, ma non è abbastanza”. Ne è convinto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky che nel suo consueto videomessaggio serale ha insistito: la misura non è proporzionata alle atrocità commesse a Bucha e che proseguono a Mariupol e Kharkiv.

La richiesta al Consiglio atlantico

“Ho tre richieste oggi per il Consiglio atlantico: armi, armi, armi”, ha detto anche il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba al Consiglio atlantico. “Noi insistiamo – nel chiedere l’embargo al petrolio e al gas russo, la piena disconnessione da swift, i porti chiusi. Spero che non si arrivi a una situazione in cui servono altri shock come Bucha per imporre nuove sanzioni, non posso credere che il popolo ucraino debba soffrire così tanto per convincere i politici europei ad agire”.

“Se non c’è un pacchetto davvero doloroso di sanzioni contro la Russia e se non c’è la fornitura delle armi di cui abbiamo un vero bisogno e che abbiamo chiesto molte volte, questo verrà considerato dalla Russia come un permesso. Un permesso ad andare oltre. Un permesso ad attaccare. Un permesso ad avviare una nuova sanguinosa ondata nel Donbass”, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un video di questa notte. ANSA

Condividi