Quirinale, Salvini: “Togliere Draghi dal governo sarebbe pericoloso”

Matteo salvini

”E’ stata una domenica di lavoro utile, ho sentito e raccolto idee, proposte… Ringrazio a nome di tutto il popolo del centrodestra e a nome di tutti gli italiani il presidente Berlusconi per la generosità, per la sua scelta” dice Salvini. E ”mi dispiace che da Letta arrivino dei no pregiudiziali. E no a Berlusconi e no a qualsiasi proposta che arrivi dal centrodestra. Non è il modo migliore per scegliere un capo dello Stato nella maniera più veloce possibile” sottolinea.

Togliere Draghi dal governo sarebbe pericoloso

Ribadisco che togliere Draghi da presidente del Consiglio sarebbe in questo momento pericoloso per l’Italia in un momento difficile – afferma il leader della Lega – Con le bollette che stanno aumentando, con l’inflazione che sta galoppando….”.

Draghi deve restare a Palazzo Chigi, ribadisce Salvini. ”Reinventarsi un nuovo governo daccapo – avverte – penso che fermerebbe il Paese per giorni e giorni e la Lega non vuole questo”.

”Il centrodestra – assicura poi – è compatto. Voterà compatto dall’inizio alla fine. E’ vicino ad avere una maggioranza, non imporremo niente a nessuno, ma proporremo”.

Quanto a Pier Ferdinando Casini “non è una proposta del centrodestra” risponde il leader della Lega a chi gli chiede se nella rosa di nomi che proporrà al centrosinistra c’è anche quello dell’ex presidente della Camera.

”Noi faremo una serie di proposte – spiega – Il centrodestra, che è maggioranza nel Paese ed è maggioranza relativa in questo Parlamento, ha il diritto e dovere di fare queste proposte, senza che nessuno metta dei ‘no’ pregiudiziali e ideologici, senza sapere nemmeno di chi stiamo parlando: donne e uomini di assoluto spessore. Ci sono, e faremo i nomi nelle prossime ore perché sto raccogliendo idee e proposte. E non ci sarà un nome imposto e proposto, ce ne saranno due, tre, quattro… Spero che dalla sinistra non arrivino no, no, no… Perché l’Italia merita una scelta veloce e condivisa e non merita confusione”.   adnkronos

Condividi