Operaio di 64 anni precipita da 5 metri e muore

lavoro operaio

Incidente sul lavoro a Pomezia, sul litorale romano, dove un operaio è morto dopo essere precipitato da un’altezza di cinque metri. La tragedia nel primo pomeriggio di venerdì in un capannone industriale. Caduto dal tetto di una cella frigorifera per Salvatore Mongiardo, questo il nome della vittima, non c’è stato nulla da fare. Aveva 64 anni.

L’intervento dei soccorritori intorno alle 14:00 del 21 gennaio in un capannone in località Santa Procula, frazione del comune della provincia romana, dove alcuni lavoratori stavano allestendo una cella frigorifera. Fra loro Salvatore Mongiardo che si trovava sul tetto della ghiacciaia per sistemare la disposizione di alcuni cavi elettrici.

Operaio di 64 anni precipita e muore

Poi la tragedia, con l’operaio precipitato dal tetto della cella frigorifera. Un volo di circa cinque metri. Caduto violentemente a terra Salvatore Mongiardo è morto sul colpo. Indagini in corso da parte dei carabinieri della compagnia e della stazione di Pomezia assieme al personale del servizio di prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro della Asl Roma 6 al fine di accertare le cause che hanno determinato la tragedia e ricostruire la dinamica dell’accaduto.

Leggi anche
Landini (Cgil), bisogna dire al governo “fai la legge sull’obbligo vaccinale”

Solo ieri c’è stata un’altra vittima sul lavoro, questa volta a Lauzacco, frazione del comune di Pavia di Udine, dove un 18enne, Lorenzo Parelli, è rimasto schiacciato da una struttura metallica mentre stava svolgendo lavori di carpenteria. Il giovane era all’ultimo giorno di tirocinio per l’alternanza scuola-lavoro.  https://www.today.it

Condividi