Stellantis, stop produzione di mascherine: 500 dipendenti in cassa integrazione

mettere la mascherina e distanziamento

Stop alla produzione di mascherine anti-covid nello stabilimento Stellantis di Mirafiori, nel Torinese. La decisione dell’azienda è arrivata a causa della scadenza del contratto con il commissario straordinario, ma adesso a pagarne le conseguenze saranno i lavoratori, costretti a subire questa doccia gelata poco prima di Natale.

500 dipendenti in cassa integrazione

Come confermato dalle sigle sindacali, circa 500 lavoratori, di cui circa la metà con ridotte capacità lavorative, andranno per un anno in cassa integrazione straordinaria per riorganizzazione aziendale. I lavoratori saranno utilizzati nell’ambito della riorganizzazione dell’attività a Mirafiori dove è previsto un rafforzamento legato all’elettrificazione.

La produzione di mascherine anti-covid da parte di Stellantis era stata avviata nell’agosto del 2020 e non senza problemi, visto che per alcuni lotti era stato chiesto il ritiro dal ministero della Salute poiché scarsamente filtranti e maleodoranti. Le mascherine realizzate a Mirafiori e nello stabilimento di Pratola Serra (Avellino) sono state destinate in questi mesi per lo più alle scuole. www.today.it

Condividi