Pfizergate, “test approssimativi” sui vaccini: a Report audio e documenti

big pharma pfizer

Audio esclusivi e documenti interni, a Report i retroscena del cosiddetto Pfizergate. Il Pfizergate finisce in prima serata sul piccolo schermo: grazie alla collaborazione col British Medical Journalism, lunedì 29 novembre alle 21,20 a Report, il programma condotto dal giornalista Sigfredo Ranucci, acconterà, infatti, i retroscena del cosiddetto Pfizergate, pubblicando “gli audio e i documenti interni che svelano pratiche poco corrette nel trial del vaccino in Ventavia, una società che ha svolto per conto dei Pfizer una parte dei test. Per la precisione, 3 delle 153 strutture coinvolte nello studio, per un totale di circa 1000 su 44mila partecipanti (anche se il numero esatto non è noto, né Pfizer né Ventavia ce lo hanno comunicato)”, anticipa il programma.

Da queste comunicazioni interne “emerge una serie di violazioni al protocollo: come ritardi nell’aggiornamento delle cartelle dei pazienti; compilazione delle schede con dati approssimativi; la presenza di indicazioni sul farmaco somministrato che rischiano di smascherare il gruppo di appartenenza del paziente, uno dei principi fondamentali del trial per cui né partecipanti né medici devono sapere chi ha ricevuto il vaccino, per non essere influenzati.

Si tratta di errori che non riguardano direttamente la sicurezza e l’efficacia del vaccino, che non è in discussione come assicurano le agenzie regolatorie, ma accendono i riflettori sulla velocità con cui sono stati condotti i test e sull’importanza dei controlli”.  affaritaliani.it

Condividi