Covid, Alto Adige: aumentano le vaccinazioni ma anche le zone rosse

mix di vaccini

In Alto Adige le vaccinazioni stanno aumentando in modo esponenziale. Il numero di dosi somministrate nell’ultima settimana è di 19.594, un aumento significativo rispetto alla precedente, quando ne erano state somministrate 13.046. In tutto, in Provincia i vaccinati sono il 69,8% della popolazione (un tasso tra i più bassi d’Italia).

Nel frattempo, però, altri 16 Comuni diventano zona rossa, anche se per Roma la Provincia autonoma resta bianca. Lo prevede l’ultima ordinanza del governatore Arno Kompatscher. Questi Comuni si aggiungono ai 20 già interessati da norme più severe dal 24 novembre scorso. Intanto, come racconta La Repubblica, sale la rabbia degli immunizzati nei confronti dei non vaccinati.

Boom di vaccinazioni, ma più zone rosse

Sono “rossi” sempre più centri sciistici, come ormai quasi tutta la val Gardena, ma anche Fiè allo Sciliar, Ultimo, Senales. “Aumentare rapidamente il tasso di vaccinazione è il passo più importante da compiere per trascorrere un inverno quasi normale”, hanno detto il presidente della Provincia Arno Kompatscher, l’assessore provinciale alla Sanità Thomas Widmann e il direttore generale dell’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige Florian Zerzer in una videoconferenza alla presenza di tutti i sindaci altoatesini.  tgcom24.mediaset.it

Leggi anche
Prof Garavelli: “Non si vaccina mai durante un’epidemia. Sta prevalendo l’anti-scienza”
“La vaccinazione di massa in piena pandemia crea un mostro irrefrenabile”
Montagnier: “la vaccinazione di massa è un errore enorme”

Condividi