Ravenna, finte vaccinazioni per il green pass: arrestato medico

vaccini codacons vaccinazioni

Un medico di base convenzionato con l’Ausl Romagna di 64 anni di Ravenna è stato arrestato per peculato, falso ideologico e corruzione dalla polizia nell’ambito di un’inchiesta su falsi green pass. Il medico aveva preso dosi di vaccini anti Covid senza iniettarle, ma utilizzandole per rilasciare false certificazioni vaccinali. Sono stati sequestrati 79 green pass falsi. Nell’indagine risultano coinvolte a vario titolo altre persone tra cui un poliziotto.

Finte vaccinazioni?

L’inchiesta che ha portato all’arresto del medico ravennate era stata avviata dalla procura di Belluno, da dove un uomo, no vax, padre di una minorenne aveva portato la figlia a Ravenna proprio dal medico ora finito in carcere. Una ‘trasferta’ mirata proprio per aggirare la vaccinazione: esami clinici hanno infatti accertato che la ragazza non aveva sviluppato alcun anticorpo dopo la vaccinazione. Stessa situazione riscontrata poi anche per altri pazienti appena vaccinati. (ma che si riscontra anche in quelli vaccinati per davvero Covid, aumentano i casi di vaccinati senza anticorpi)

Covid, Lopalco: “Test degli anticorpi dopo il vaccino? Soldi buttati”

Finte vaccinazioni per il green pass – Secondo le verifiche della squadra Mobile ravennate coordinate dalla Pm Angela Scorza, il medico, i primi di ottobre, aveva ritirato 15 flaconi di vaccino Pfizer per 90 dosi circa: tredici di questi flaconi, anziché utilizzarli per inoculare il vaccino, li aveva sfruttati – secondo l’accusa – per certificate falsamente di avere vaccinato i pazienti. Attraverso un’applicazione, l’indagato era infine riuscito a inserire certificazioni ritenute false per aggiornare i certificati vaccinali.  www.rainews.it

Condividi