Oggi si celebra la più grande offesa alla Costituzione

costituzione

Oggi si celebra la più grande offesa alla Costituzione. La democrazia con le sue libertà è di fatto sospesa con la compiacenza di coloro che hanno giurato di difenderla

di Giuseppe Romeo – Oggi di fatto si celebra la più grande offesa alla Carta Costituzionale con un provvedimento di natura governativa messo in campo da un esecutivo che non ha sovranità alcuna.. Credo che stiamo vivendo la pagina più buia del nostro tempo. Le libertà sancite da una Costituzione violata e calpestata che dimostra dove risiede la vera cultura e il vero spirito autoritario che supera ogni immaginazione possibile.

La democrazia con le sue libertà è di fatto sospesa con la compiacenza di coloro che hanno giurato di difenderne i valori e si allineano a provvedimenti draconiani e insensati. Una democrazia fantasma di se stessa che sembra essere solo la forma e non la sostanza di una nazione mai compiuta. Una nazione divisa dall’ odio seminato con maestria senza che nessuno paghi di tale macabro seme sparso con la complicità di media ormai giunti ad una credibilità pari al nulla. Una nazione divisa da chi sfruttando una emergenza sanitaria – divenuta tale per l’ impreparazione e il pressapochismo degli attori che a vario titolo erano chiamati a fronteggiarla – si divide tra chi ha ragione e chi no… tra chi crede di vincere senza sapere che oggi abbiamo perso tutti.

L’oggetto di interesse è evidentemente il mantenimento del potere con una melassa di colori improbabili e una opposizione di facciata che stenta ad assumere un ruolo chiaro e deciso e che si lascia trafiggere… Destra e Sinistra sono ormai categorie che non hanno un senso e che non trovando più una identità si sono creati spazi in salotti confortevoli. Salotti, all’ interno dei quali c’ è stato poco spazio per la vera scienza medica affidata solo ad una visione faziosa e non obiettiva che volutamente non ha allargato il campo delle prospettive.

La salute dell’italiano c’entra poco. Ogni datore di lavoro, in ogni ambito, mette in pratica o interpreta misure solo per evitare responsabilità. Ecco, allora, che oggi 15 ottobre 2021 l’ Italia nata dalla cosiddetta Resistenza, della sinistra democratica a parole o della destra nazionalista solo per slogan rinnega se stessa.

L’Italia del lavoro, della cultura, del coraggio, della solidarietà abdica all’Italia della paura, all’ Italia dell’ incerezza, all’ Italia che rispolvera una autocrazia mascherata e che la condanna ad arrancare. Un’ Italia divisa ad arte tra vax e no vax figli, questi. di una stessa madre sapientemente anestetizzata da chi al potere rinnega il suo essere, la sua storia, la sua lingua e cultura.

Un’Italia ridotta ad una controfigura da coloro che, adesso è chiaro, volutamente non sono in grado di rassicurarla rispetto alle paure…perché la paura e il terrore sono le armi sdoganate nella nuova guerra per il potere. Quella guerra per il mantenimento del potere e per la destrutturazione del Paese che si consuma da due anni sotto l’ombra di una ormai strumentale emergenza sanitaria.

Giuseppe Romeowww.giusepperomeo.eu

Condividi

 

One thought on “Oggi si celebra la più grande offesa alla Costituzione

  1. Questa è la democrazia dei comunisti oggi neoliberisti. Ieri applaudivano i carri armati russi che invadevano Ungheria, Polonia ecc. oggi plaudono per la Thatcher e Reagan, amano i banchieri, scaricano costi, sacrifici, bolle dell’economia virtuale, invasioni di clandestini e altro sugli italiani. Meglio di cosi? L’Europa quella diretta da Berlino!

Comments are closed.