Green pass, Orlando: “No a tamponi gratis per i lavoratori”

orlando tampone gratis

Tamponi gratis è come dire che chi si è vaccinato ha sbagliato

Sul Green pass obbligatorio per i lavoratori e i test, “io ho sempre detto una cosa, mi sembra ragionevole pensare a tutte le forme possibili di calmierazione ma far diventare il tampone gratuito significa dire sostanzialmente che chi si è vaccinato ha sbagliato”. Lo ha detto il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, commentando la proposta di Beppe Grillo di tamponi gratis ai lavoratori senza Green pass, a margine della firma a Milano del protocollo d’intesa sulle misure di sostegno per rafforzare le competenze dei lavoratori della moda.

Tamponi gratis significa smentire l’orientamento finora seguito

“Io penso invece che noi dobbiamo dire che chi va a lavorare e chi ancora non è convinto può avere anche un trattamento parzialmente diverso rispetto a chi non deve andare a lavorare – ha sottolineato Orlando -. Quindi si può anche pensare a ulteriori forme di calmierazione ma l’idea di un tampone completamente gratuito significa in qualche modo smentire l’orientamento che finora è stato seguito, che vede nel Green pass uno strumento di tutela del luogo di lavoro e anche di incentivazione alla vaccinazione. Ci siamo vaccinati tutti perché lo ritenevano utile per noi e per gli altri”.

Sulla proposta di portare la validità del tampone da 48 a 72 ore “noi siamo di fronte al fatto che o il tampone vale 48 ore o vale 72, ma non può essere oggetto di discussione politica”, ha aggiunto. “Se nelle 24 ore successive non è più valido – ha sottolineato Orlando – allora non certifica più niente, non è che se ci mettiamo d’accordo noi e le altre forze politiche sovvertiamo questo dato. Bisognerebbe lasciare agli ambiti tecnici lo spazio che è proprio”.  adnkronos

Condividi