Ong ResQ People preleva 59 migranti in acque internazionali

ong ResQ People

PALERMO – La ResQ People la scorsa notte durante un’operazione in acque internazionali ha prelevato 59 migranti, tra cui 6 donne (una incinta) e 17 minori che erano a bordo di un barchino di legno, partito da Zuwara in Libia, in mare da circa 24 ore. I naufraghi (clandestini, ndr) provengono prevalentemente da Siria, Somalia, Eritrea, Etiopia, Sudan e Egitto; ma ci sono anche cittadini di Yemen, Nigeria, Libia, Gambia, Costa d’Avorio. Il soccorso è avvenuto in base ad un Navtex che segnalava una barca di legno in difficoltà.

L’equipaggio si sta prendendo cura dei naufraghi a bordo della ResQ People. nelle prossime ore la nave rimarrà nella zona di ricerca e soccorso per monitorare la situazione “È per questo che è nata ResQ: salvare chi rischierebbe di morire” – spiega Lia Manzella, vicepresidente dell’associazione, che si trova in questo momento a bordo della nave – Ed è solo grazie alla volontà, all’impegno e alla generosità dei cittadini italiani che sostengono ResQ che queste vite, ora, sono finalmente al sicuro”.

La ResQ People era partita venerdì sera da Porto Empedocle per la sua seconda missione di salvataggio; a bordo un equipaggio di 21 persone provenienti da 4 diversi Paesi. Nel corso della prima missione, lo scorso mese di agosto, erano state portate in salvo 166 persone. https://livesicilia.it

Condividi