Green pass, Tar del Lazio respinge ricorso del personale scolastico

Tar del Lazio respinge ricorso del personale scolastico

Il Tar Lazio, con i decreti monocratici 4531/2021 e 4532/2021 depositati oggi, ha respinto i ricorsi di alcuni rappresentanti del personale scolastico che chiedevano di sospendere tutti i provvedimenti adottati dal Ministero dell’Istruzione con cui è stata stabilita la disciplina in materia di possesso di certificazione anti-covid del personale scolastico.

Il diritto del personale scolastico a non vaccinarsi

“in disparte la questione della dubbia configurazione come diritto alla salute, non ha valenza assoluta né può essere inteso come intangibile, avuto presente che deve essere razionalmente correlato e contemperato con gli altri fondamentali, essenziali e poziori interessi pubblici quali quello attinente alla salute pubblica a circoscrivere l’estendersi della pandemia e a quello di assicurare il regolare svolgimento dell’essenziale servizio pubblico della scuola in presenza“.

codice di Norimberga

E’ quanto si legge nei decreti con i quali la terza Sezione bis del Tar del Lazio ha respinto l’istanza dell’Anief contro i provvedimenti del ministero dell’Istruzione che disciplinano il possesso del Green pass. “In ogni caso – sottolineano i giudici – il predetto diritto è riconosciuto dal legislatore il quale prevede in via alternativa la produzione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus Sars-Cov 2”.

In particolare, si legge ancora nei decreti, “relativamente alla prospettata illegittimità degli impugnati provvedimenti nella parte in cui stabiliscono che i dipendenti privi di Green pass qualora non si procurino il documento perdono anche il trattamento retributivo anche per le prestazioni espletate prima della sospensione, il danno prospettato è meramente patrimoniale e ristorabile integramente e, pertanto, certamente non può configurare quella situazione di estrema gravitè ed urgenza tale da giustificare la sospensione per tale aspetto dei gravati provvedimenti”. www.rainews.it

Condividi