Treni, denuncia per chi sale senza green pass. E dovrà scendere subito

green pass in ogni ambiente di lavoro

Denuncia per chi sale senza green pass – Il governo ha deciso di aumentare le restrizioni per chi è sprovvisto del green pass. Il viaggiatore – si legge su Repubblica – mostrerà il Green Pass — obbligatorio fino a dicembre — al controllore. Se privo della carta verde, dovrà spostarsi in una zona riservata e scendere alla prima fermata utile.

Chi è senza green pass rischia anche una denuncia alla Polizia ferroviaria.

Leggi anche
“green pass ricorda tessera che si doveva usare in quel ventennio”

Sempre il viaggiatore si impegna a informare l’autorità sanitaria territoriale e la compagnia ferroviaria se accuserà sintomi entro 8 giorni dalla fine del viaggio. Il sistema di porte automatiche del treno sarà impostato in modo da favorire il ricambio dell’aria. Alimenti e bevande saranno consegnate al viaggiatore seduto (sui treni a lunga percorrenza) per evitare spostamenti di massa verso il vagone ristorante. Capienza massima permessa sugli stessi treni a lunga percorrenza se, come gli aerei, montano filtri Hepa.

L’accesso agli aerei e alle aree “sensibili” dell’aerotrasporto – prosegue Repubblica – sarà permesso a condizione di avere il Green Pass (questo, almeno fino al 31 dicembre 2021). La stazione aeroportuale avrà percorsi separati tra chi entra e chi esce. Imbarco e sbarco dei passeggeri dovrà avvenire, se possibile, attraverso il pontile mobile (o finger), così da evitare il bus elettrico (sempre pieno) che conduce sotto il velivolo. Indumenti personali — giacca, cappotto, maglione — saranno sistemati nelle cappelliere dell’aereo, ma sempre in contenitori monouso per scongiurare contatti. In caso di voli intercontinentali, la mascherina sarà sostituita dopo 4 ore.  affaritaliani.it

Condividi

 

One thought on “Treni, denuncia per chi sale senza green pass. E dovrà scendere subito

  1. Mi pare evidente che si tratta di un provvedimento discriminatorio con caratteristiche estorsive. Il green pass è un pezzo di carta e non un presidio sanitario che può impedire un eventuale contagio. Si tratta praticamente di una misura usata per indurre alla vaccinazione di massa senza imporla ope legis.

Comments are closed.