Covid, in Israele boom di contagi “colpa delle comunità ortodosse”

israele quarantena anche per i vaccinati

In Israele boom di contagi: registrati 10.001 nuovi casi di coronavirus, il numero più alto da metà gennaio. Il dato riguarda la giornata di martedì, secondo dati rivisti dal ministero della Salute e pubblicati ieri sera, che riportano anche 75.403 casi attivi in tutto il paese, con 1.084 persone ricoverate, delle quali 688 gravi e 139 attaccate ai respiratori.

Israele boom di contagi, colpa dei non vaccinati

Il bollettino di martedì preoccupa in vista della riapertura delle scuole, prevista il primo settembre. Times of Israel sottolinea che nelle comunità ortodosse, dove vi sono meno vaccinati, la maggior parte delle scuole ha riaperto il 9 agosto e nelle due settimane successive c’è stata un’impennata di contagi. La settimana scorsa a Elad i contagi sono cresciuti del 78%, a Modin Ilit del 151%, a Bnei Brak dell’84%, a Beit Shemesh del 104%, e a Givat Ze’ev they del 134%. adnkronos

Condividi