Obbligo vaccinale, Corte europea dei diritti umani respinge ricorso dei vigili del fuoco francesi

Corte Europea dei diritti umani e di Soros

La Corte europea dei diritti umani di Strasburgo ha respinto un ricorso presentato da 672 fra vigili del fuoco professionali e volontari contro la legge francese che impone loro l’obbligo di essere vaccinati contro il Covid-19.

Asserendo che la legge francese emanata il 5 agosto per gestire l’emergenza sanitaria creata dal Covid viola i loro diritti (quello alla vita, e quello al rispetto della vita privata e familiare), i vigili del fuoco avevano chiesto alla Corte di Strasburgo di imporre alla Francia una serie di misure urgenti. Nello specifico “di sospendere l’obbligo vaccinale”, o in alternativa “di sospendere l’impossibilità di lavorare per chi non è vaccinato” oppure “di non sospendere il pagamento del salario per i non vaccinati”.

La Corte europea dei diritti umani ha rifiutato la richiesta

La Corte europea dei diritti umani ha rifiutato la richiesta delle misure urgenti, spiegando che la situazione dei vigili del fuoco non ricade tra i casi che richiedono un’azione immediata. La Corte di Strasburgo impone a uno Stato misure urgenti solo nel caso ci sia un reale pericolo per la vita o l’integrità fisica di una persona.

La Corte di Strasburgo fa sapere quindi che la decisione di non accordare il ricorso richiesto in questo caso non preclude di potersi pronunciare in un secondo momento sulle doglianze dei vigili del fuoco per determinare se vi sia stata una violazione dei loro diritti. www.rainews.it

Condividi

 

2 thoughts on “Obbligo vaccinale, Corte europea dei diritti umani respinge ricorso dei vigili del fuoco francesi

  1. La Corte Europea dei Diritti Umani ha respinto il ricorso dei Vigili del Fuoco francesi non solamente perché non è competente in materia, ma anche perché detto ricorso risulta inutile a fronte delle vigenti leggi della UE. I pompieri avrebbero, infatti, dovuto rivolgersi alla Corte di Giustizia Europea. Le leggi della UE garantiscono che le persone non siano discriminate in nessun luogo e per nessun motivo (ovviamente, anche al posto di lavoro) ai sensi del Regolamento UE 953/Giugno 2021 che è esecutivo. Le leggi e i regolamenti europei sovrastano le leggi formali e materiali dei singoli Stati (come, ad esempio, i DPCM).

  2. Come si chiama quel bel signore che tutti i bambini vorrebbero avere come nonno? Ah siii il famoso Soros: amante dei suoi simili, della liberta, della democrazia come valori e diritti di tutti le genti del pianeta!

Comments are closed.