“Dare la parola a chi la pensa diversamente è disinformazione”

Dare la parola a chi la pensa diversamente è disinformazione, non par condicio. L’ultima perla di Gianni Riotta: “C’è un malinteso senso di par condicio per il quale invitiamo un vero esperto e un disinformatore no vax nei talk show, permettendo a quest’ultimo di ampliare la propria area d’influenza. Non dovrebbe accadere.”

Condividi

 

One thought on ““Dare la parola a chi la pensa diversamente è disinformazione”

  1. C’è un malinteso intendimento del significato del termine “giornalismo” nel leggere le porcherie che afferma il riotta.

Comments are closed.