Covid, vaccino Novavax “efficacia oltre il 90% anche contro le varianti”

vaccino Novavax

Il vaccino anti-Covid dell’americana Novavax ha dimostrato un’efficacia complessiva del 90,4 per cento in uno studio di fase 3 che ha coinvolto quasi 30mila partecipanti in 119 centri tra Usa e Messico. L’efficacia è stata del 100 per cento nel prevenire le forme di malattia moderate e gravi, comunica l’azienda. Il prodotto, sottolinea Novavax, funziona anche contro le varianti di Sars-CoV-2.

In particolare, risulta efficace al 93 per cento contro le cosiddette varianti che destano preoccupazione (Voc) e contro le varianti di interesse (Voi) prevalentemente circolanti, e al 100per cento contro le varianti non considerate Voc/Voi. La protezione nelle popolazioni ad alto rischio è del 91 per cento, aggiunge il gruppo. Tutti i ricoveri/decessi si sono verificati nel gruppo placebo.

Il vaccino Novavax è a base proteica

così lo descrive l’Agenzia europea del farmaco Ema, che ha già avviato la revisione ciclica sul prodotto – che contiene minuscole particelle ottenute da una versione prodotta in laboratorio della proteina Spike presente sulla superficie del coronavirus pandemico. Utilizza anche un adiuvante, una sostanza che contribuisce a rafforzare le risposte immunitarie stimolate dall’iniezione-scudo.

I risultati dello studio ‘Prevent-19’ “rafforzano” le evidenze “che NVX-CoV2373 è estremamente efficace e offre una protezione completa contro l’infezione da Covid-19, sia moderata che grave”, dichiara Stanley C. Erck, presidente e Ceo di Novavax.

Il trial “conferma che NVX-CoV2373 offre un profilo di tollerabilità e sicurezza rassicurante – afferma Gregory M. Glenn, presidente Ricerca & Sviluppo, Novavax – Questi dati mostrano livelli di efficacia elevati e riaffermano la capacità del vaccino di prevenire Covid-19 in una fase in cui è in corso un’evoluzione genetica del virus. Il  vaccino Novavax “contribuirà in modo fondamentale alla soluzione dell’emergenza Covid”, è convinto Glenn che ringrazia “i partecipanti allo studio, gli operatori che lo hanno reso possibile così come i nostri sostenitori, incluso il governo degli Stati Uniti”.  https://notizie.tiscali.it/salute

Condividi