Ardea, spari in strada: morti due bambini e un anziano

spari in strada: morti due bambini e un anziano

Colpi d’arma da fuoco in strada ad Ardea, vicino a Roma, all’interno del consorzio Colle Romito. A essere colpiti due fratelli di 10 e 5 anni, che stavano giocando a pochi metri da casa, e un anziano di 74 anni, che stava transitando in bicicletta, morti nonostante i soccorsi e i tentativi di salvarli. Le prime segnalazioni sono arrivate al 112 poco dopo le 11 e subito ambulanze ed elisoccorso si sono recati sul luogo della sparatoria, in via degli Astri.

I bambini e l’anziano non sono parenti e non risulta alcun legame tra le tre vittime e il presunto omicida, un 34enne con problemi psichici, che si è poi barricato in casa. I negoziatori del comando provinciale dei carabinieri di Roma sono con la madre dell’uomo. I militari e la donna si trovano all’esterno dell’edificio in via Colle Romito e stanno cercando di avere un contatto con lui tramite telefono. Alta la probabilità di una irruzione, che dovrebbe scattare all’arrivo sul posto dei carabinieri del Gis, gruppi di intervento speciali.

“Entrambi i bambini sono feriti anche piuttosto gravemente” aveva spiegato a Rainews24 Mario Savarese, sindaco di Ardea. Il primo cittadino aveva anche confermato che l’anziano colpito era deceduto. Il presidente del consorzio Colle Romito, Romano Catino, ha raccontato che “quando abbiamo sentito l’esplosione pensavamo fosse un petardo tirato da qualche bambino. Poi ci siamo avvicinati alla zona e abbiamo scoperto che invece erano colpi di pistola”.

Spari in strada: la famiglia dell’omicida era conosciuta

“La famiglia dell’omicida- rivela poi – era conosciuta nel quartiere per episodi di molestie e degrado. Più volte sono stati segnalati alle forze dell’ordine. Basti pensare che una persona della nostra vigilanza interna ha il compito di tenere d’occhio quella villetta”.

morti due bambini e un anziano

“Ho ricevuto ora una telefonata che non avrei mai voluto avere, il Direttore Sanitario dell’Ares 118 mi ha appena comunicato che i medici soccorritori stanno facendo la constatazione di decesso per entrambi i bambini. Il primo a non farcela è stato il più piccolo, poi purtroppo è mancato anche il secondo bambino. Gli operatori intervenuti sul posto hanno impiegato tutti gli sforzi possibili per salvare le vittime con ripetuti tentativi di rianimazione, ma la situazione è apparsa fin da subito compromessa. Sono profondamente scosso per l’accaduto ed esprimo tutto il mio rammarico e le più sentite condoglianze ai familiari e all’intera comunità di Ardea che oggi vive un terribile lutto per questa tragedia”.

Lo comunica in una nota l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. “Sono appena tornato dal luogo dove è accaduto il fatto, la parte alta di Colle Romito, un villaggio residenziale. Mi rattrista enormemente quanto è successo. Tutte le persone coinvolte sono residenti del consorzio, compresa la persona che ha sparato. Ho fornito tutte le indicazioni necessarie ai carabinieri, spero che venga preso al più presto. Sembra sia una persona instabile che già aveva manifestato comportamenti ostili. Pare che il tutto sia nato da una futile lite”, ha sottolineato. www.rainews.it

Condividi