Vaccini e green pass, sono le pecore a limitarci i diritti

sono le pecore a limitarci i diritti

Nel paese dei morti viventi, ancora qualche mese fa era possibile ascoltare il seguente discorso: è da pazzi irresponsabili tentare di ridimensionare la pericolosità del Covid e la necessità delle restrizioni. Il livello scientifico del ragionamento era il seguente: mio nonno ha perso la vita, dopo settimane di ricovero, e all’ospedale se l’è vista brutta anche molta gente non anziana.

Si poteva pensare che a parlare in quei termini fossero persone disinformate, ignoranti e pigre, manipolate dalla televisione o magari da qualche “fenomeno” come il primario di un ospedale del Nord Italia che, pensando di sfidare i “negazionisti”, li invitò a visitare il suo reparto (rimediando gli improperi dei parenti, cui era vietato vedere i ricoverati, per poi venire zittito da tanti colleghi, che gli risposero: veniamo noi, a sincerarci dell’emergenza in cui si troverebbe il tuo ospedale, a patto che ci spieghi quali altre patologie hanno, i ricoverati, e come li state davvero curando).

La pessima notizia è che questa Italia dei cialtroni, per ora, ha stravinto.

Primo: il ministro che ha taroccato l’emergenza (ignorando il piano pandemico) è ancora al suo posto. Secondo: non una ammissione è finora pervenuta da giornali e televisioni, complici della tragicommedia, insieme ai loro virologi da salotto. Terzo: la notizia fondamentale – è stato messo a punto un efficace protocollo per cure domiciliari precoci – viene costantemente oscurata, e lo stesso ministero della sanità (lungi dall’adottare il protocollo salva-vita) ne ha ostacolato la legittimazione, in sede giudiziaria.

Quarta tragedia: il nuovo governo, guidato da Mario Draghi, non accenna a dire la verità, sul Covid. Ha ereditato il disastro nazionale provocato da Conte e ora si impegna a rianimare il paese, ma a una condizione: la salvaguardia della menzogna (mondiale) che vede il “vaccino genico”, sperimentale, come l’unica via d’uscita, il solo rimedio alla crisi generata da una malattia che nella maggior parte dei casi sarebbe guaribile in pochi giorni, da casa, con semplici antinfiammatori, se solo si smettesse di impedire ai medici di fare il loro dovere.

Preparati genetici spacciati per vaccini

La crisi (civile, sociale, democratica) si sta avvitando su se stessa nel peggiore dei modi: come previsto dai golpisti, agli infidi preparati genetici spacciati per vaccini viene progressivamente vincolata la libertà di circolazione, mediante il famigerato “green pass”, dopo aver imposto per decreto – a medici e infermieri – di sottoporsi a un inoculo che, di per sé, non dà alcuna garanzia al soggetto di non essere più contagioso.

Solo un imbecille, a questo punto, tarderebbe a rendersi conto che qualcosa non funziona. Ma del resto, a proposito di imbecilli: le strade sono piene di soggetti che camminano, pedalano e guidano l’auto (da soli) con le vie aeree imbavagliate dalla “museruola”. Emerge nel frattempo che i test Pcr dei tamponi sono una barzelletta? Non importa: si continua a fingere di credere che i tamponi siano attendibili, e che i contagi degli asintomatici siano un problema.

In fila come pecore

E poi ci sono loro, i vaccinandi: non sanno, non si informano, non studiano, non leggono? Semplicemente, si mettono in fila come pecore. E se ne fregano, a quanto pare, se lo Stato imporrà altre misure illegali per discriminare i non-vaccinati, dopo aver imposto le brutali restrizioni, le illegali zone rosse e l’illegale coprifuoco. In fondo è soprattutto grazie a loro, a questi italiani, se qualsiasi governo potrà infliggere altre sofferenze alla cittadinanza.

Il pass vaccinale (con farmaci ancora solo sperimentali, fino a tutto il 2023) equivale a una sorta di Tso, indotto in modo surrettizio aggirando la Costituzione. E’ legittimo, assumersi rischi inoculandosi farmaci di incerta innocuità. Se però alla campagna vaccinale viene vincolato il ritorno alla libertà, sottoporsi a questo ricatto morale significa contribuire a colpire i connazionali che al ricatto non intendono piegarsi, anche in nome della presente e futura libertà di tutti, inclusi i morti viventi che ancora circolano (violando la legge) con il volto coperto dall’inutile, patetica mascherina.

https://www.libreidee.org

Condividi