Bologna, “Le sedi dei fascisti si chiudono col fuoco, coi fascisti dentro”

fascisti antifascisti

A Bologna corteo degli anti fascisti in barba alle regole anti Covid. Ci risiamo: come già avvenuto lo scorso anno anche questo 25 aprile a Bologna, nonostante le restrizioni, si è tenuto un corteo celebrativo della ricorrenza “contro tutti i fascismi”.

Tra gli slogan intonati anche uno che rimanda al buio periodo degli anni di piombo: “Le sedi dei fascisti si chiudono col fuoco, ma coi fascisti dentro, se no è troppo poco“. Una vera beffa per gli italiani costretti a rispettare le regole da mesi. E ciò nonostante il ministro Lamorgese avesse annunciato un aumento dei controlli. Eppure in questo fine settimana i controlli si sono intensificati, ma per i comuni cittadini non per gli antifà protetti dal Pd.

Anti fascisti, ovvero – 75 anni di comunismo, continuazione del fascismo con mezzi più subdoli

La sinistra vuole le chiusure, ma solo per i comuni mortali – A Roma hanno chiuso via del Corso perché c’era troppa gente a spasso, a Milano hanno multato i clienti che osavano bere in prossimità dei bar e dei locali. Sono le norme anti Covid, che vietano assembramenti. Le stesse che stanno portando al collasso intere categorie, come quella dei ristoratori. Norme sospese miracolosamente per i centri sociali che devono fare il loro inutile e pagliaccesco corteo antifascista. La sinistra paladina delle chiusure e del coprifuoco finge di non vedere, per tornare da domani a colpevolizzare gli italiani che desiderano prendersi un aperitivo in compagnia.

secoloditalia

Condividi

 

One thought on “Bologna, “Le sedi dei fascisti si chiudono col fuoco, coi fascisti dentro”

  1. Fino al 1945 , fascismo.
    Da allora , antifascismo.
    Uno peggio dell’altro.

Comments are closed.