Attacco jihadista in Nigeria: incendi, saccheggi e 11 civili uccisi

nigeria attacco bko haram

LAGOS, 24 APR – Almeno 11 civili sono stati uccisi ieri sera in una città nel nord-est della Nigeria, invasa da jihadisti legati all’Isis che stanno tuttora presidiando il territorio. Lo ha detto una autorità locale ad Afp e agli abitanti. Combattenti del Gruppo dello Stato Islamico in Africa occidentale (Iswap). Sono arrivati a bordo di otto veicoli dotati di armi automatiche e hanno invaso la città di Geidam, nello Stato di Yobe, poco prima della rottura del digiuno del Ramadan.

“Abbiamo perso 11 persone nell’invasione terroristica e gli uomini armati sono ancora in città”, ha detto all’Afp il funzionario locale Ali Kolo Kachalla. Due residenti intervistati telefonicamente dall’Afp affermano che gli undici civili sono stati uccisi nel bombardamento di due case da parte di un aereo da caccia dell’esercito nigeriano schierato per contrastare i jihadisti.

Contattato dall’Afp, l’esercito nigeriano non ha commentato i fatti. Secondo i residenti, i jihadisti hanno distrutto la maggior parte delle torri di telecomunicazione. Hanno anche saccheggiato i negozi prima di dar loro fuoco. Dall’inizio delle azioni di Boko Haram nel 2009 nel nord-est della Nigeria, il conflitto ha provocato quasi 36.000 morti e due milioni di sfollati. Nel 2016 il gruppo si è scisso, con da una parte la fazione storica e dall’altra l’Iswap, riconosciuta dall’Isis. (ANSA)

I terroristi islamici hanno distrutto strutture private e governative.

Condividi