Accuse di stupro di gruppo, Grillo difende il figlio: “non ha fatto niente”

Beppe Grillo difende il figlio, accusato di stupro di gruppo insieme ad altri amici. “Mio figlio è su tutti i giornali come stupratore seriale insieme ad altri 3 ragazzi…io voglio chiedere chiedere veramente perché un gruppo di stupratori seriali non sono stati arrestati, la legge dice che vanno presi e messi in galera e interrogati. Sono liberi da due anni, ce li avrei portati io in galera a calci nel culo”

“Allora perché non li avete arrestati?, urla il comico –  Perché vi sete resi conto che non è vero niente, non c’è stato niente perché chi viene sturpato e fa una denuncia dopo 8 giorni vi è sembrato strano. Se non avete arrestato mio figlio, arrestate me perché ci vado io in galera. C’è il video. Non sono 4 stupratori, sono 4 coglioni”. Così Beppe Grillo si sfoga in un video su fb.

Condividi