Pakistan: poliziotti presi in ostaggio da islamisti anti-francesi

parti radical Tehrik-e-Labbaik Pakistan à Lahore, le 18 avril 2021. © Arif Ali, AFP

Almeno sette agenti di polizia pakistani sono stati presi in ostaggio a Lahore da membri del partito estremista Tehrik-e-Labbaik Pakistan (TLP), che ha recentemente organizzato violente proteste anti-francesi. La situazione di stallo tra il governo pakistano e il partito estremista islamista Tehrik-e-Labbaik Pakistan (TLP) si sta intensificando.

Un portavoce delIa Polizia ha detto che i membri di questa organizzazione radicale hanno preso in ostaggio i poliziotti dopo l’arresto del loro leader che aveva chiesto l’espulsione dell’ambasciatore francese. “I membri del TLP tengono in ostaggio cinque poliziotti e due membri del Corpo dei Ranger”, ha detto Rana Arif, portavoce della polizia a Lahore.

In un tweet, Firdous Ashiq Awan, portavoce del governo della provincia del Punjab, ha detto invece che fino a dodici agenti di polizia potrebbero essere stati rapiti e portati alla moschea TLP a Lahore, dove si sono radunati centinaia di manifestanti di partito. Proteste antifrancesi si sono svolte in diverse città del paese, portando alla morte di sei agenti di polizia e costringendo l’ambasciata francese a invitare i suoi cittadini a lasciare temporaneamente il Pakistan.

Secondo Firdous Ashiq Awan, “gruppi violenti armati di molotov e bottiglie di acido questa mattina hanno invaso la stazione di polizia di Nawankot”.

I leader del TLP, un partito ufficialmente bandito in Pakistan da giovedì, hanno detto che diversi membri del loro movimento sono stati uccisi: “Non li seppelliremo fino a quando l’ambasciatore francese non sarà deportato”, ha detto in un video pubblicato online Allama Muhammad Shafiq Amini, leader del TLP a Lahore.

Il TLP ha intrapreso una campagna anti-francese da quando il presidente Emmanuel Macron ha difeso il diritto di Charlie Hebdo di pubblicare le vignette su Maometto, un atto che reputano blasfemo.

Con AFP www.france24.com

Condividi