Oms: No ai passaporti vaccinali perché i vaccinati possono contagiare

OMS Margaret Harris passaporti vaccinali

L’Organizzazione Mondiale della Sanità non sostiene la richiesta di passaporti vaccinali per viaggiare a causa dell’incertezza sul fatto che l’inoculazione prevenga la trasmissione del virus, oltre a preoccupazioni di equità. Lo ha detto una portavoce martedì. “Noi dell’OMS stiamo dicendo in questa fase che non vorremmo vedere il passaporto per le vaccinazioni come un requisito per l’ingresso o l’uscita perché non siamo certi in questa fase che il vaccino prevenga la trasmissione“, ha detto la portavoce dell’OMS Margaret Harris.

“Ci sono molte altre questioni, a parte la questione della discriminazione nei confronti delle persone che non sono in grado di ricevere il vaccino per un motivo o per l’altro”, ha detto a una conferenza stampa delle Nazioni Unite.

L’OMS ora si aspetta di esaminare i vaccini cinesi COVID-19 Sinopharm e Sinovac, per un possibile uso di emergenza, verso alla fine di aprile, ha detto Harris. “La decisione non sta arrivando così rapidamente come speravamo perché abbiamo bisogno di più dati”, ha detto, rifiutandosi di fornire ulteriori informazioni, citando la riservatezza.

Il mese scorso, il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha fatto appello  ai paesi con scorte di vaccini in eccesso per donare urgentemente 10 milioni di dosi alla struttura COVAX che l’OMS gestisce con l’alleanza vaccinale GAVI. Le restrizioni all’esportazione da parte dell’India hanno lasciato il programma di condivisione dei vaccini a corto di forniture del vaccino di AstraZeneca prodotto dal Serum Institute of India.

Harris ha detto di non avere aggiornamenti sui paesi che si sono fatti avanti, aggiungendo: “Siamo alla ricerca di molti più vaccini”.

https://www.reuters.com

Condividi