Restrizioni Covid, cuoco senza lavoro si getta sotto il treno

suicidio si getta sotto il treno

Moneglia. Mancanza di lavoro per via della pandemia e difficoltà finanziarie sarebbero le cause della disgrazia che stamane ha registrato la morte del 33enne Stefano La Selva cuoco in un ristorante mobegliese, sui binari della stazione ferroviaria di Moneglia.

Mentre la Polfer sta definendo, attraverso testimonianze e videoregistrazioni l’esatta dinamica del mortale investimento da parte dell’Intercity Milano – Livorno in transito, nella cittadina cresce l’apprensione per le difficoltà di centinaia di dipendenti di alberghi e ristoranti chiusi da mesi.

“Una disgrazia che rattrista la nostra collettività- ha detto il sindaco di Moneglia Claudio Magro – ristoranti, alberghi, case vacanze sono la base del nostro turismo in ginocchio per il covid. Molti giovani anche provenienti da altre regioni, da anni sono venuti a vivere nel nostro comune per il lavoro non solo stagionale nelle nostre strutture. Ora senza stipendio da mesi hanno difficoltà sia a pagare affitti che avere i soldi per pagare bollette e alimenti”

www.genova24.it

La bufala dei ristori

ristori

Condividi