Vaccini, GB: nelle case di riposo decessi aumentati del 240%

La preoccupante correlazione tra vaccini, esplosione dei contagi e della mortalità che si verifica nei paesi dove la campagna vaccinale è più avanzata, dovrebbe indurre a una maggiore prudenza e soprattutto a una completa trasparenza dei dati a disposizione, unica condizione per rinsaldare il rapporto di fiducia tra cittadini e istituzioni.  Riportiamo qui un articolo pubblicato su The Daily Expose sull’aumento della mortalità nelle case di riposo inglesi seguita alla massiccia campagna vaccinale, in cui si cercano delle risposte alle importanti domande che i dati a disposizione lasciano aperte.
da http://vocidallestero.blogspot.com – che ringraziamo

DAILY EXPOSE, 25 Febbraio 2021 – Il lancio del miracoloso “vaccino” Covid è iniziato l’8 dicembre 2020, dando la priorità ai residenti e al personale delle case di riposo. Il 27 gennaio il governo del Regno Unito ha annunciato che il 95% di tutti i residenti nelle case di cura era stato vaccinato; Matt Hancock ha annunciato su Twitter che oltre l’80% degli ultraottantenni aveva ricevuto almeno una dose del Pfizer o dell’Oxford jab.

Allora perché dal fine settimana del 10 gennaio sino al fine settimana del 29 gennaio abbiamo assistito nelle case di cura a un aumento del 62% dei decessi per tutte le cause? E a un aumento nello stesso lasso di tempo del 240% delle morti “dovute” al Covid-19?

Questi numeri sono stati presi dai dati ufficiali dell’ Office of National Statistics (ONS) per l’Inghilterra e il Galles, che possono essere trovati qui.

Due giorni dopo che le autorità hanno iniziato a sperimentare sul grande pubblico il vaccino Pfizer, nella settimana precedente al 10 dicembre  2020, nelle case di cura erano stati registrati un totale di 2905 decessi dovuti a tutte le cause. L’ONS riferisce che durante la stessa settimana c’erano stati anche 736 decessi “dovuti” al Covid-19.

Tuttavia, solo due giorni dopo l’annuncio da parte delle autorità di aver vaccinato oltre il 95% dei residenti nelle case di cura, nella settimana del 29 gennaio 2021, nelle case di cura sono stati registrati un totale di 4.800 decessi dovuti a tutte le cause. L’ONS riferisce inoltre che nella stessa settimana ci sono stati 2505 morti dovuti al Covid-19.

Questo aumento astronomico delle morti nelle case di cura parallelamente al lancio del “vaccino” sperimentale è semplicemente una coincidenza troppo grande per essere spazzata via sotto il tappeto.

Il famigerato sito “Full Fact” ha ovviamente effettuato un “fact checking” in relazione al vaccino e al presunto aumento delle morti nelle case di cura. Ma se ci si risolve a leggere quello che hanno da dire, allora ci si può rendere conto che non stanno effettivamente verificando nulla di quanto è in discussione.

Il sito Full Fact afferma di star sottoponendo a “fact checking” un post di Facebook che afferma che “i decessi nelle case di cura sono aumentati dell’81% dall’inizio del lancio della vaccinazione Covid-19“.

Full Fact emette il suo verdetto dopo il “fact checking” affermando: “I decessi nelle case di cura sono aumentati notevolmente, anche se non siamo stati in grado di riprodurre il calcolo dell’81%. Queste non sono morti dovute al vaccino. Sono in gran parte dovute al Covid-19 in sè”.

Ma ecco cosa ha effettivamente scoperto la loro indagine di “fact checking”:

Nella settimana fino all’8 dicembre, 2.171 decessi nelle case di cura in Inghilterra sono stati notificati alla Care Quality Commission. I decessi sono aumentati a 3.746 nella settimana fino al 23 gennaio, con un aumento del 71%.

Quindi Full Fact ha effettivamente riscontrato un aumento ancora maggiore di morti nelle case di cura rispetto al nostro calcolo. Il motivo? Hanno utilizzato i dati solo per l’Inghilterra, anziché i dati combinati per Inghilterra e Galles da noi utilizzati. Il post di Facebook sforava del 10%, e allora? Un aumento del 71% dei decessi nelle case di cura dovrebbe essere ignorato?

Be’, in effetti, Full Fact pensa di sì:

‘Tuttavia la cifra esatta non è molto rilevante. Le morti tra i residenti delle case di cura non sono aumentate a causa del programma di vaccinazione, ma perché il Covid stesso si è ampiamente diffuso a dicembre e ha ucciso molte più persone. L’aumento dei decessi dei residenti nelle case di cura è quasi interamente il risultato di un aumento dei decessi per Covid-19. Ed era comunque prevedibile assistere a molti decessi dopo la vaccinazione, dato che prioritariamente sono state vaccinate le persone più vulnerabili.  Tuttavia, dalle indagini, non sembra che la vaccinazione abbia avuto un ruolo in nessuno dei decessi segnalati come sospetti“.

L’affermazione può essere letta in questo modo: “Poiché noi (Full Fact) diciamo che l’aumento delle morti nelle case di cura non è dovuto ai vaccini Covid, questo significa che è vero e chiunque dica il contrario sta mentendo. Dopo un’indagine – di cui non forniremo assolutamente alcuna prova a sostegno – “sembra” che il vaccino non sia stata la causa, quindi il caso è chiuso“.

Una rapida occhiata ai finanziatori di Full Fact è davvero sufficiente a dirci tutto ciò che occorre sapere su tutto ciò che questa organizzazione ha da dire – si veda qui.

Quindi confrontiamo i numeri con alcuni dei fatti reali che ad oggi conosciamo. Se guardiamo al numero di morti per tutte le cause verificatesi nelle case di cura nella settimana fino al 29 gennaio 2020, prima della presunta pandemia Covid, si troverà che secondo i dati ONS in Inghilterra e Galles si sono verificati solo 3090 decessi.

Sono 1710 decessi in meno rispetto alla stessa settimana del 2021, in cui i decessi sono stati 4800. Ma dei 4800 decessi per tutte le cause, i dati ONS indicano che 2505 di questi decessi sono dovuti al Covid-19. Rimane un totale di 2295 morti non dovute al Covid-19.

Dobbiamo davvero credere, in un momento in cui il NHS è presumibilmente sovraccarico, che ci sarebbero stati 795 decessi in meno nelle case di cura rispetto a quelli avvenuti nella stessa data dell’anno precedente? Ci sono solo due possibili risposte: o le morti per Covid-19 sono state sovrastimate – cosa che sospettiamo fortemente, come abbiamo spiegato numerose volte (vedi qui) – o queste morti per Covid-19 si sono verificate davvero. Ma entrambe queste risposte portano ad altre gravi domande.

.

Se le morti di Covid sono state sopravvalutate, allora cosa ha causato l’aumento del 62% dei decessi per tutte le cause nelle case di cura in Inghilterra e Galles dall’inizio del lancio del vaccino?

Ma se le morti per Covid non vengono sopravvalutate, come mai abbiamo visto un aumento del 240% delle morti dovute al Covid-19 nelle case di cura in Inghilterra e Galles dall’inizio del lancio di un vaccino che ha lo scopo di proteggere contro il Covid-19 ?

Ancora una volta rimangono solo due risposte. Se le morti di Covid sono state sopravvalutate, allora come può essere qualcosa di diverso dal vaccino che ha portato ad un aumento del 62% delle morti nelle case di cura per tutte le cause? È solo una coincidenza. Ma se non sono state sopravvalutate, allora questa non è sicuramente la prova che i vaccini Covid non funzionano?

I limitati studi sui vaccini mostrano che occorrono fino a due settimane prima che si verifichi l’immunità contro il virus SARS-CoV-2. Ci sono circa 410.000 residenti nelle case di cura nel Regno Unito. Matt Hancock si è vantato con orgoglio di come sono riusciti a vaccinare oltre 500.000 persone solo il 12 febbraio 2021.

Sono 90.000 persone in più rispetto ai residenti nelle case di cura. I residenti nelle case di cura erano “in cima alla lista” e  “in prima fila” a ricevere i vaccini sperimentali e il lancio del vaccino è iniziato l’8 dicembre. Otto settimane prima dell’aumento del 240% delle morti per Covid nelle case di cura.

Se è vero quanto affermato da Hancock, che si è vantato di esser riusciti a vaccinare il pubblico con grande velocità ed efficacia, la maggioranza, se non il 95% dei residenti nelle case di cura vaccinati entro il 27 gennaio probabilmente sono stati vaccinati molto prima. Ciò significa che il 29 gennaio avrebbero dovuto essere “immuni” al virus.

Dobbiamo attendere che vengano resi disponibili altri dati ONS. Nelle case di cura c’è stato un aumento del 62% dei decessi per tutte le cause dall’inizio del lancio del vaccino, 8 settimane prima. E c’è stato un aumento del 240% delle morti presumibilmente dovute al Covid-19 dall’inizio del lancio del vaccino, 8 settimane prima. La cosa spaventosa è che i dati ONS che abbiamo usato non coprono il numero dei residenti nelle case di cura che sono morti in ospedale.

Condividi