Governo Draghi, Crimi: “Possiamo dettare le condizioni”

A quanto apprende l’Adnkronos, il capo politico del M5S, Vito Crimi, in vista delle consultazioni di domani, ha scritto in chat ai parlamentari grillini, chiedendo spunti e idee.
Spunti e idee, ipotesi di una misura lampo da approvare in 10 giorni per un “ipotetico governo Draghi”. A quanto apprende l’Adnkronos il capo politico del M5S, Vito Crimi, in vista delle consultazioni di domani con il presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi, ha scritto in chat ai parlamentari grillini, divisi sulla strada di un governo tecnico, chiedendo una mano, anche con proposte che il Pd “non voterebbe mai”, perché -il ragionamento- il potere contrattuale c’è e consente al Movimento di “dettare le condizioni”.

(askanews) Della stessa idea anche Zingaretti – Il Pd sosterrà Mario Draghi “mettendo in campo” e “facendo pesare” le proprie idee. Lo ha detto Nicola Zingaretti parlando a ‘Radio Immagina’. “Il Pd nell’interlocuzione con Draghi metterà in campo le sue idee. Primo fra tutti, e non c’è bisogno di farlo col professor Draghi, l’Europa”.

E poi “il Nextr generation Eu, la riforma fiscale, perché i principi costituzionali siano rispettati con la progressività e la semplificazione del fisco”.

E ancora: “La giustizia – unire i diritti individuali a tempi giusti dei processi – e mi permetto di dire: le politiche di genere“. Ha concluso Zingaretti: “Dobbiamo rappresentare questi valori, dobbiamo farli pesare nelle scelte”. (askanews)

Condividi

 

One thought on “Governo Draghi, Crimi: “Possiamo dettare le condizioni”

  1. Questo non è capace di imporre condizioni al salumiere quando gli incarta due etti di mortadella.
    Pensa di andare da Draghi insieme a Grillo e a De Maio a porre condizioni.
    A gente del genere il semplice affidare l’incarico di andare a fare la spesa è rischioso.

Comments are closed.