“No paura day 6”, intervento di Armando Manocchia

Armando Manocchia – Quando i pubblici poteri violano le Libertà fondamentali e i Diritti garantiti dalla Costituzione la resistenza alla oppressione è diritto e dovere del cittadino.

Quando un Governo, il 5° incostituzionale, con ripetute violazioni di più Articoli, calpesta la Costituzione, esautora il Parlamento, e assume PIENI POTERI, delle due l’una: o siamo in GUERRA o siamo di fronte a un colpo di stato.

E quando, questi POTERI sanciti dalla Carta Costituzionale vengono delegati a 15 comitati esterni alle Istituzioni politiche e democratiche, delegati agli amici degli amici, non si può parlare di Governo antidemocratico, ma si ha la conferma di un governo eversivo.

Quando, con metodi coercitivi definiti: norme, regole, disposizioni e DPCM o DL (quindi PROVVEDIMENTI TEMPORANEI), che di fatto sono: violazioni delle libertà personali, controlli, imposizioni, sanzioni, multe, chiusure forzate, istigazione alla delazione, siamo in uno di stato di polizia.

E, quando si arriva a schierare nelle strade un esercito di 70mila militari, significa che o ci hanno dichiarato GUERRA e nessuno ce l’hanno detto, o si stanno commettendo azioni costituzionalmente illegittime, giuridicamente illecite e moralmente riprovevoli.
Azioni, che non mirano certo al contenimento della pandemia, ma mirano a modificare in maniera sostanziale il nostro modello di vita, sociale, culturale, politico, economico, giuridico. Si attua di fatto un regime totalitario.

Così facendo, si vuole stroncare ogni tipo di autonomia di pensiero e indipendenza di giudizio. In sostanza, si vuole eliminare alla radice ogni forma di critica verso il potere costituito da questa oligarchia di mercenari, reclutati al fine di consolidare un modello di controllo funzionale alla instaurazione di un unico governo mondiale e alla distruzione di un modello sociale che ha oltre 2mila anni di storia.

E proprio la storia ci ha insegnato che il solo modo per controllare la popolazione e soggiogarla, è instillare la paura!

Incutere paura, minuto per minuto, per un interno anno. Instillare: apprensione, preoccupazione, ansia, timore e terrore e panico per assuefare le persone a non pensare, a non avere dubbi, a non porsi domande, per indurle a credere in un dogma scientifico ineluttabile ed inevitabile, che hanno chiamato COVID, è TERRORISMO!
E, se è vero com’è vero, questo terrorismo è fomentato da marionette, scappati di casa, buoni a nulla e capaci di tutto, guidati da un soggetto inetto non eletto, telecomandato da poteri altri. E se si pensa che oggi, questo ciarpame che si è venduto a criminali travestiti da filantropi e alla ‘democratica’ Cina, è persino minoranza nel Paese, la resistenza alla oppressione diventa un obbligo morale.

Inoltre, se questi venduti, ricevono anche il beneplacito della cosiddetta OPPOSIZIONE, quella che sarebbe delegata al controllo, non basta parlare di opposizione farsa, falsa, ridicola e inconsistente, ma si deve avere il coraggio e l’onestà intellettuale di parlare di opposizione collusa, connivente e complice, nella lingua di Dante si chiamano TRA DI TO RI.

Ci sono intere categorie produttive che stanno chiudendo o cadendo nelle mani delle mafie di mezzo mondo. Ci sono Persone, Famiglie e Aziende, e sono tante, relegate nell’immobilismo che sopravvivono in un silenzio inquietante. C’è un Paese che sta fallendo e un popolo che sta morendo.

Si vocifera di elezioni. Maggioranza e minoranza che siedono in Parlamento, fanno come I LADRI DI PISA, di notte rubano insieme e di giorno fanno finta di litigare. Sissignori! Sono già d’accordo per il 6° Governo incostituzionale con un nuovo Monarca di Stato.

Quindi, lasciatemi fare un appello alle Persone perbene, dotate di buon senso, fede e ragione che sono la maggioranza in Italia, perché trovino il coraggio di uscire da questa gabbia costruita ad arte per massacrare il Paese più bello, più ammirato, più amato e più invidiato del mondo. Il Paese che grazie all’ingegno, il talento, la fantasia, la laboriosità, è riuscito a diventare la quarta potenza economica mondiale ed è stato portato da 4 governi consecutivi non eletti sull’orlo del baratro e con questo, il 5°, con questi venduti al Governo e traditori all’opposizione, dall’orlo del baratro ha fatto un passo avanti: un Paese offeso, umiliato, ferito, violato, invaso, violentato, depredato e svenduto, alle massomafie e ai globalisti, servi sciocchi dei poteri sovranazionali.

Il tutto, è potuto accadere con la colpevole collaborazione dei Professionisti della mistificazione e della menzogna che scientemente e strumentalmente diffondono notizie false e dati farlocchi su fatti gravi e notizie gravissime, come fanno ora sulla pandemia, su un Virus serio quanto volete, ma non letale, e quando lo è, lo è solo per persone con complicazioni serie pregresse, al fine di imporre nuovi paradigmi come il modello attuale di società iperliberista basato sul monitoraggio e controllo (App di qua e App di là), instaurando un persecutorio “terrorismo sanitario” per opprimere e reprimere i cittadini, come in uno Stato di Polizia.

Di fronte a tutto questo la resistenza all’oppressione è diritto e dovere del cittadino. Bisogna scendere in piazza per dissentire, e rompere quel silenzio assenso che consente ai politicanti di fare ciò che fanno, senza senso. Ricordate che chi tace o non sente o acconsente. Vi rammento anche che i diritti di cui noi abbiamo goduto gratis finora, sono stati ottenuti con la lotta, il sacrificio, il sudore e il sangue dei nostri avi: con scioperi, cortei, manifestazioni, assemblee e sit-in. Non certo cazzeggiando sui social. A conferma che la libertà non si dona, si conquista.

I non allineati come noi, quando non vengono considerati razzisti e fascisti, vengono identificati, catalogati e marchiati per essere tracciati come complottisti e negazionisti.

Noi non siamo né gli uni né gli altri. Il complotto lo subiamo. I Negazionisti sono loro, sono quelli che negano la verità come negano la shoah e come negano le foibe.

Usano gli stessi metodi Nazisti e le stesse parole atroci della guerra: ‘bollettino di guerra’… ‘confinamento’… ‘coprifuoco’ e altre ancora.

Ma, contrariamente a quanto dicono i Media prezzolati, i mendicanti di comparsate in tv, gli accattoni di share, di like e di visualizzazioni, questuanti di lettori e di copie vendute, NOI NON SIAMO NOVAX. NOI NON SIAMO CONTRO I VACCINI.

Vaccinatevi quando e quanto volete. Noi siamo contro l’obbligo vaccinale, che è cosa ben diversa. Noi non obblighiamo nessuno a vaccinarsi. Noi non obblighiamo nessuno a portare la museruola, diventata simbolo di sottomissione come il velo per l’islam. Noi non condanniamo nessuno al confinamento. Noi siamo per la Libertà di scelta, e siamo per la libertà di scelta di tutti, non soltanto la nostra. Ti vuoi vaccinare? Fallo! Ma non scartavetrare i.. ah ci sono dei bambini… a noi che non vogliamo farlo. Noi siamo dalla parte delle Libertà e dei diritti sanciti dalla Costituzione, quella Costituzione che loro calpestano.

E, allo stesso modo, non siamo NOMASK. Siamo contro l’obbligo della mascherina che viene propagandata come presidio di sicurezza, quando invece non lo è. Ripeto: noi siamo per la libertà di scelta. Se pensi che la mascherina ti protegga, portala tu. Non puoi costringere me a portarla. Noi non le vogliamo portare perché non sono affatto un ‘presidio sanitario’, ma piuttosto un SICURO E PERICOLOSO veicolo di contagio. E imporle, come stanno facendo loro è una grave violazione della libertà personale!

L’art. 32 della Costituzione specifica che nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario e non si può MAI violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana. Persino il Tar di Strasburgo ha definito le mascherine sempre e ovunque per tutti è una «Grave violazione della libertà personale”

Pensare è gratis. Pensate, ragionate con il vostro cervello. Usate la logica e il buon senso: se la mascherina funziona a che serve il distanziamento? Se il distanziamento funziona a che serve ma mascherina? Se mascherina e distanziamento funzionano a che servono gli arresti domiciliari? Se mascherina, distanziamento e confinamento funzionano a che se serve il vaccino? E se il vaccino funziona perché vogliono renderlo obbligatorio e soprattutto, perché ti fanno firmare una assunzione di responsabilità, anziché firmarla LORO nei tuoi confronti?

RISPETTO PER I MORTI

A quelli che dicono bisogna avere rispetto per i morti, noi rispondiamo che bisogna avere prima rispetto per i VIVI. E quelli che hanno mancato e continuano a mancare di rispetto per i morti solo loro e non Noi. Perché come dice Tabaroni:

Rispetto per i morti significa dire la verità sul numero dei morti per Covid.

Rispetto per i morti significa desecretare i verbali sull’emergenza Covid.

Rispetto per i morti significa dire la verità sulle morti di Bergamo e Brescia dove hanno adottato procedure e protocolli sbagliati dell’Oms.

Rispetto per i morti significa dire la verità sulla sceneggiata dei camion militari di Bergamo dove c’erano morti etichettati Covid, ma anche morti per altre patologie.

Rispetto per i morti significa dire la verità sui soldi che Rsa e Ospedali ricevono per ogni persona registrata Covid.

Rispetto per i morti significa dire la verità sulle cure esistenti e che possono essere somministrate anche a casa dai medici di base.

Rispetto per i morti significa fare in modo che ospedali e medici riprendano a operare a pieno regime per affrontare e debellare le altre patologie che sono molto più gravi.

Rispetto per i morti significa dare degna sepoltura. Non bruciare i corpi senza neanche consentire il riconoscimento o la vicinanza dei propri cari.

Rispetto per i morti significa ospitare almeno nella Tv del Canone i contraddittori con scienziati e medici di spessore e di fama internazionale che su questa pandemia la pensano diversamente dai virologi di turno, da zanzarologi e veterinari, che invitano IN Tv h 24 e che sono culo e camicia con il Cartello farmaceutico. Pensate soltanto che a capo del CTS il comitato tecnico scientifico, quello che può prorogare lo stato di emergenza, c’è un ginecologo.

Questo Virus non ha creato una pandemia, ma un pandemonio. Il virus e la pandemia sono stati usati come cavallo di troia per instaurare un regime totalitario planetario di fronte al quale i Nazisti sono apprendisti.

Ma, non tutti i mali vengono per nuocere.

In un articolo pubblicato su IO il Prof. Mondini dice: che questa pandemia ha strappato la maschera a coloro che si fregiano del titolo di “democratici”, mostrandoli come i più feroci nemici della democrazia stessa.

Il virus ha svelato la pavidità di gran parte della popolazione che ha barattato le proprie libertà per una falsa promessa di salute.

La pandemia ha palesato l’inutilità e l’ipocrisia di quel mostro di usura e burocrazia chiamato Ue, nato sulle ceneri del Nazismo e guarda caso, per volontà di un Cartello chimico farmaceutico, e guarda caso, lo stesso Cartello che governa oggi la Commissione Europea, una cloaca di 80mila buoni a nulla e capaci di tutto che nessuno ha eletto, impegnati ad imporre leggi ipocrite e politiche economiche suicide che ci distruggono.

Il virus, di fronte ad una crisi mondiale creata ad arte, ha insegnato la differenza abissale tra un paese sovrano, quindi a sovranità monetaria, come eravamo, ed uno suddito come siamo ora, costretto col cappello in mano a chiedere soldi in prestito alla U€. E quello che è più insopportabile e anche ridicolo? È che i soldi che chiediamo come questuanti, sono i nostri!

La pandemia ha manifestato minuto per minuto il terrorismo dei prezzolati trombettieri intenti a diffondere e difendere un’unica narrazione, prostituendosi senza dignità.

Il virus ha dimostrato cosa accade quando La… Scienza abbandona il dubbio, e si trasforma in ‘lascienza’, che si tramuta in fanatismo.

La pandemia ha rivelato quanta solitudine, sociopatia e frustrazione vi sia in questa società iper connessa in corsa verso il nulla. Siamo passati da Internet a Infernet.

Il virus ci ha però ricordato il valore immenso di tutto ciò che ci viene detto di non amare o disprezzare: il calore della casa, l’amore della famiglia, il silenzio di una preghiera, una buona lettura, la musica, il legame con le proprie radici.

Ma che ve lo dico a fare. Ormai anche i sassi sanno chi sono e come la pensano questi che si vendono come “democratici”. Chiunque non si pieghi ai loro diktat diventa il nemico da battere o da abbattere. Viene massacrato dal pensiero unico dominante con i suoi vecchi, sempre più logori e sbiaditi cliché. Per chi dissente c’è il tritacarne mediatico dei luoghi comuni con il vecchio ritornello del politicamente corretto, senza anima.

Signori, certi valori non sono negoziabili: salute, libertà, libero arbitrio. Tutto ciò non può diventare materia, interesse, profitto, ossessione del controllo e riteniamo che mai, anche nei loro sogni più distopici qualcuno potrà sostituire in tutto o in parte quella meravigliosa Creatura che è l’Uomo.

Noi siamo Libertà, Noi siamo Libero arbitrio, Noi siamo Italiani liberi e nessuno potrà toglierci questo Dono, questa certezza che ci dà la sicurezza della Vittoria. Le loro scelte miopi, scellerate, preda del profitto e dell’effimero sono destinate a essere scoperte. Quei 27 milioni di mascherine al dì che ci fornisce FCA per ripianare un debito di 6,5 mld dei contribuenti che il governo gli hanno prestato subito dopo che si sono spartiti un bottino di 6mld di utili, cadranno tutte e tutte insieme e la Verità nella sua bellezza, nella sua purezza, nella sua interezza verrà fuori.

Ecco perché tocca a Noi, a Noi italiani liberi che la Storia l’abbiamo scritta più volte quando c’era Roma e con il Rinascimento, e lì abbiamo insegnato all’Umanità intera bellezza e speranza. Lì abbiamo mostrato a tutti lo spirito divino più recondito che Michelangelo e Leonardo con il loro genio hanno saputo raccontare. Siamo stati dei Fari e ora tocca a noi decidere cosa fare del nostro destino. L’Italia, è un Paese meraviglioso, un Museo a cielo aperto, un Villaggio vacanze, un Patrimonio inestimabile di Arte, di Storia e di Cultura. Da 2500 anni è culla della Civitas e detentrice dello scettro che regge il dominio del mondo.

Dobbiamo decidere Noi se affrontare la sfida che questi tempi così confusi e bui ci chiedono. Dobbiamo scegliere Noi se riprenderci le chiavi di casa, se riprendere in mano i nostri destini e disegnare un nuovo corso della Storia o rassegnarsi, arrendersi e soccombere.

Riassumo: siamo di fronte al “solve et coagula. Una alchimia in cui un governo illegittimo con la scusa di una emergenza sanitaria ha creato una emergenza democratica ingabbiando i Cittadini in una spirale vessatoria intollerabile. Un governo che con il beneplacito della opposizione e di una parte ideologicamente schierata della Magistratura ha consentito loro di depredare una economia tra le prime al mondo. Di desovranizzare una Nazione tra le più importanti del mondo. E dissolvere una società bimillenaria.

Siamo ostaggio di Dilettanti allo Sbaraglio, boriosi, ignoranti e arroganti che hanno istituito l’altrettanto illegittimo ‘Ministero della Verità’, un’arma di distruzione della libertà di pensiero e di parola; una fabbrica della mistificazione e della menzogna, che censura e soffoca la libertà d’espressione, di stampa ed il diritto d’opinione di chi non si allinea al Pensiero Unico Dominante, al becero politicamente corretto, per imporre il monopolio della menzogna di Regime.

Per questo faccio un ulteriore appello, stavolta indifferibile all’unità di tutti quei cittadini che non sono stati indottrinati e formattati dal pensiero unico e che usano logica e buon senso, per liberare l’Italia e gli Italiani nel rispetto dell’Art. 52 della Costituzione che recita: “La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino”.

Viviamo il ritorno alla schiavitù! Siamo di fronte alla abolizione di ogni sovranità, monetaria, politica, giuridica, territoriale e biologica, un progetto che ha origini lontane ed ha lo scopo di imporre il Nuovo disOrdine Mondiale. Una soluzione obbligata in alternativa a quello che i professionisti della mistificazione e della menzogna, ci vendono contro un ipotetico “pericolo maggiore” da questo stesso potere criminale programmato di cui una gran fetta di magistratura, quella che io chiamo GIUDICIUME è o connivente o latitante.

Dove vogliono arrivare? A demolire la Famiglia, colonna portante di una società millenaria. A distruggere il Cristianesimo, la religione, la cultura che ha forgiato l’Occidente. A mutare l’evoluzione naturale; a trasformare l’antropologia umana; a modificare l’ordine naturale del creato. TUTTO QUESTO è INCONCEPIBILE, è INAMMISSIBILE e INACCETTABILE E Noi non glielo consentiremo! Dio benedica l’Italia e gli Italiani liberi. SalviAMOl’Italia, costi quel che costi.

Condividi