Covid, scienziato Onu: missione Oms non vuole “puntare il dito” contro la Cina

La missione dei ricercatori dell’Oms in Cina per scoprire le origini del coronavirus non ha l’obiettivo di “puntare il dito” contro Pechino “in stile Trump”. Lo ha sottolineato uno degli scienziati dell’Agenzia dell’Onu, Fabian Leendertz, epidemiologo del Robert Koch Institut, che arriverà nel Paese giovedì assieme ad altri novi scienziati. “Non si tratta di individuare la Cina come colpevole. Si tratta di ridurre il rischio. E i media potrebbero aiutarci evitando di accusare in stile Trump. Il nostro lavoro non è politico”, ha detto il ricercatore parlando con il Guardian.

“L’indagine sul focolaio di un’epidemia non si può far a distanza. Non è possibile”, sostiene il professor Leendertz. “Non è che andiamo lì a raccogliere pipistrelli però è molto importante andare nei luoghi in cui tutto è cominciato: il mercato di Wuhan, l’istituto di virologia, gli allevamenti di animali selvatici”, ha spiegato. “Abbiamo già avuto alcuni incontri online produttivi con i colleghi cinesi ma è meglio sedersi gli uni di fronte agli altri, fare il punto per formulare ipotesi”. AGENPRESS

Condividi