Napoli, crisi economica: fotografo 67enne si uccide

Aveva 67 anni Umberto Sbrescia, trovato morto all’interno del suo storico negozio in via Silvio Spaventa. I familiari lo avevano cercato perché tardava a tornare a casa. Giunti al negozio, hanno trovato il suo corpo senza vita. In una lettera Umberto ha spiegato i motivi di questo terribile gesto.

L’azienda Sbrescia, nata nel 1958, porta via con sé più di 60 anni di attività sempre fiorente, nota nel settore in quanto riferimento per tutti i fotografi partenopei. La crisi di quest’ultimo anno legata alla pandemia l’ha messa in ginocchio. Numerosi i messaggi di cordoglio dal mondo della fotografia.

«La gente è disperata – scrive Franco sui social – e questa politica garantista per alcuni e meno per altri porta a questi risultati catastrofici. Manca una giusta giustizia sociale». «Per noi fotografi analogici – scrive Raffaella – è stato un leader nel settore di fornitura di fotografia, era il più fornito, siamo addolorati per questa orribile notizia». Ed ancora: «Quasi mezzo secolo di collaborazione e amicizia – scrive Ugo, un suo amico – mi mancherà la chiacchierata con te ed il tuo saluto sempre affettuoso»

https://www.ilmattino.it/napoli/cronaca/morto_umberto_sbrescia_a_napoli_giallo_suicidio_ultime_notizie_oggi-5692457.html

Condividi