Covid, Bassetti: “vaccino obbligatorio per i sanitari”

Secondo l’infettivologo Bassetti, il vaccino anti Covid dovrebbe essere obbligatorio per i sanitari: “Per me il concetto è: se non ti vaccini, in ospedale non lavori”. E infatti lui stesso si vaccinerà la prossima domenica (o almeno, così dice).

Il piano vaccini non è efficace ed è arrivato anche in ritardo secondo l’infettivologo Matteo Bassetti. Un disastro su tutta la linea. Il primo ad arrivare nel nostro Paese sarà quello di Pfizer e Biontech, ma il direttore della Clinica Malattie Infettive dell’Ospedale San Martino di Genova ha qualcosa da obiettare: “Iniziare il 15 gennaio è tardi e il bando andava anticipato. Dobbiamo ringraziare la Ue, forse è stata lei con una tirata d’orecchie che ci ha fatto accelerare: noi avremmo iniziato le vaccinazioni a fine gennaio”, ha detto in un’intervista al Giorno.

L’esperto, però, non si è lamentato solo dei tempi, ma anche delle quantità: “Sento il direttore Aifa, Magrini, dire che faremo 1,7 milioni di iniezioni al mese, questo mi sconvolge. Così per arrivare al 60% di copertura, ci vorranno 43 mesi. Con il siero Pfizer, che necessita di due dosi, il doppio di tempo”. Una prospettiva non proprio rosea se l’obiettivo è quello di superare la fase in cui ci troviamo adesso. Il rischio è che a fine marzo sia vaccinato solo lo 0,5% degli italiani, una pessima figura agli occhi dell’Europa.

Secondo l’infettivologo, poi, il vaccino anti Covid dovrebbe essere obbligatorio per i sanitari: “Per me il concetto è: se non ti vaccini, in ospedale non lavori”. E infatti lui stesso si vaccinerà la prossima domenica. liberoquotidiano.it

Politici avvertiti: chi impone vaccini obbligatori finisce alla Corte dell’Aja. Saranno tutti processati e condannati

Politici avvertiti: chi impone vaccini obbligatori finisce alla Corte dell’Aja

Condividi