Morra fa la vittima: vogliono farmi lasciare l’Antimafia

“Essendo arrivato a Napoli presso gli studi RAI per partecipare alla puntata odierna di Titolo Quinto ho appreso dalla vicedirettrice di RAI 3 che per decisione della Direzione di Rete veniva annullata la mia partecipazione al programma. Questo dovevo dirvi, questo vi dico. Credo non si debba aggiungere altro. Loro non si arrenderanno mai, io neppure!”. Lo ha scritto su Facebook il presidente della commissione parlamentare antimafia Nicola Morra, investito dalle polemiche per le sue dichiarazioni sulla defunta presidente della Regione Calabria Jole Santelli. In serata, da Forza Italia era giunta pubblicamente la richiesta di annullare l’invito all’esponente del Movimento 5 stelle.

Nicola Morra non intende dimettersi dalla presidenza dell’Antimafia “cosa che piacerebbe a tanti” e denuncia il tentativo in atto di “sporcarmi e infangarmi” di cui è stata parte anche lo stop dello Rai ieri sera alla messa in onda della sua intervista sulla Calabria alla trasmissione di Rai3 “Titolo V”.”

Noi – ha dettio Morra ospite stamani a Omnibus su La7- invece andiamo avanti. L’ho scritto anche ieri sera su Twitter. E’ uno degli slogan del nostro movimento. Piacerebbe a tanti che mi dimettessi”.”E’ in atto – ha proseguito- una strategia finalizzata a sporcare e infangare chi dà fastidio per quello che fa di cui fa parte anche quanto accaduto ieri sera. E io e la mia coscienza sappiamo bene quanto ho sempre fatto e faccio con la carica he ricopro anche in questa emergenza Covid per la Calabria e per i suoi malati”. (askanews)

Condividi