Vaccino Covid in Italia tra patentino e obbligo per fasce d’età

Vaccino covid, si parte a gennaio tra patentino e ipotesi di ‘obbligo a fasce’ in base all’età. . “Dovrebbe essere inserita un’obbligatorietà per fasce d’età”, ha detto il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri intervenendo a Piazzapulita. Lo schema “dovrebbe ricalcare quello del vaccino antinfluenzale”, con una particolare attenzione alle fasce fragili e ai soggetti anziani, i più esposti ai rischi del coronavirus.

Per una “protezione di gregge”, ha detto scegliendo una definizione diversa rispetto a ‘immunità di gregge’, è necessario che una ampia fascia della popolazione si vaccini. Per il professor Andrea Crisanti, bisognerebbe superare la soglia del 70% per arrivare a risultati efficaci. Anche alla luce di queste considerazioni, ha ribadito Sileri, “servirebbe un’obbligatorietà legata alle fasce d’età. A mio avviso servirà tutto il 2021 per la vaccinazione”.

Il commissario Arcuri: “Stiamo progettando una piattaforma informatica che consentirà di gestire la verifica della somministrazione per sapere come si chiamano le persone che hanno fatto il vaccino e dove lo hanno fatto, per seguire la tracciabilità dei beni sul territorio”, ha detto Arcuri, rispondendo a una domanda sull‘ipotesi di un patentino. La soluzione “sarà possibile e sarà il ministero della Salute a stabilire le modalità”. (adnkronos)

Arcuri: entro gennaio vaccino Pfizer a 1,7 milioni di italiani

‘il primo che avremo a disposizione sarà quello della Pfizer. In Italia nella seconda metà di gennaio arriveranno 3,4mln di dosi

Vaccino Pfizer, Garattini: “Ci facciano vedere i dati, non sappiamo nulla”

Questo vaccino a Rna messaggero deve essere conservato a meno ottanta gradi. Siamo attrezzati per farlo? No che non lo siamo!

Condividi