Vogliono rubarci tutto, anche la dignità e l’anima

Vogliono rubare il mondo
Vogliono cancellare ciò che siamo stati
Vogliono cancellare ciò che avremmo sognato di essere
Vogliono affogare nel nulla effimero, luccicante e traditore ogni nostro anelito, ogni nostra fratellanza , ogni nostra spiritualità,

Vogliono spogliarci della nostra dignità, della nostra anima, di ogni nostra appartenenza ed intima essenza,
Vogliono fare tabula rasa del nostro cuore e del nostro corpo,
Vogliono dirci come dobbiamo parlare,
Vogliono impedirci di essere uomini e donne ,
Vogliono impedirci di avere un padre e una madre come sempre siamo stati abituati ad avere,

Vogliono abbrutirci nel senso di colpa per quanto di più bello e glorioso chi ci ha preceduto ha fatto,
Vogliono farci credere che tutto vada riscritto senza che ci sia più nulla di sacro, vogliono toglierci ogni commozione e ogni grandezza di sentimenti e convinzioni,
Vogliono trasformarci in abrutiti ed alienati mercificati ultimi uomini senza meta , fuggiaschi da noi stessi e dai nostri avi,

Vogliono distruggere ogni punto di riferimento, ogni oasi di familiarità e tradizione,
Vogliono gettarci nel loro sperduto oceano di oblio e desolazione popolato di spettri ed ombre di ciò che pure fummo e non avremmo mai dovuto smettere di essere,
Vogliono impedirci di svegliarci, vogliono annichilirci con il loro pensiero unico, con la loro informazione unica, con le loro mistificazioni permanenti, vogliono fare diventare la nostra vita un prestito da usurai, vogliono trasformare il nostro generoso lavoro in alienazione, vogliono estirpare le nostre idee, le nostre storie, i nostri amori e ogni nostro modo di essere con il loro orrendo diserbante che alla fine riduce tutto in arida sterpaglia priva di ogni dolcezza e profumo di rose ,

Vogliono toglierci tutto, compresa la trascendenza ed ogni venerazione cui abbiamo donato i nostri cuori puri fin da bambini,
Vogliono derubarci fino ai più intimi recessi del nostro essere, ma quando sembrerà tutto perduto e ogni battaglia e la stessa guerra irrimediabilmente perduta una straordinaria e accecante improvvisa luce scaturita dal purissimo insondabile illuminerà l’antico tracciato sacro dei reduci e allora tutto sarà ribaltato e ogni antico culto, rispetto e ardente pensiero sarà magicamente e incantevolmente ripristinato e la marcia degli eroi avrà termine solo dopo la vittoria completa totale e definitiva sui mistificatori, gli usurpatori, gli usurai e gli impostori!

FRANCESCO SQUILLANTE

Condividi