Covid, Galli: “A Natale dimentichiamoci cenoni e veglioni”

“Non voglio dire che gli italiani a Natale dovranno digiunare, si potranno raccogliere in piccoli gruppi, ma i grandi cenoni familiari e grandi veglioni quest’anno ce li dobbiamo dimenticare fin d’ora”. Così Massimo Galli, infettivologo dell’ospedale Sacco-università Statale di Milano, intervistato dal Tg4, che aggiunge: “Anche se chiudessimo tutto oggi, e riaprissimo per Natale o prima di Natale, è abbastanza evidente che se non manteniamo le precauzioni, anche dopo la riapertura cadremmo esattamente nell’errore di ferragosto, quando un’interpretazione disinvolta del ‘dobbiamo convivere col virus’ ha portato al risultato che il virus ha fatto festa insieme a gli italiani”.

E dopo le rivelazioni sul verbale del Cts sardo che aveva dato parere sfavorevole alla riapertura dei locali da ballo nell’isola, invece riaperti prima di Ferragosto dal presidente della Regione Christian Solinas Galli sottolinea come “l’apertura delle discoteche questa estate non è stata la causa di tutto ma è stata chiaramente una specie di ‘liberi tutti’, che è stato poi seguito da tantissime persone senza nessuna esitazione e il risultato lo stiamo vivendo oggi”.

“Non ho nessuna voglia di passare per quello che ha avuto ragione, in un caso come questo – premette Galli – ma posso dire che ero assolutamente allibito e indignato che alcuni provvedimenti fossero stati presi” quest’estate. adnkronos

Natale, Zampa (Pd): feste con nucleo ristretto di parenti di primo grado

Natale, Zampa (Pd): feste con nucleo ristretto di parenti

Condividi