Elezioni Usa, lite tra Pd e M5s

Scoppia la lite fra M5s e Pd sul voto americano. Il M5s non si e’ schierato ne’ con Trump ne’ con Biden? “Sarebbe stupido farlo. Bisogna sostenere l’alleanza con gli Stati Uniti, chiunque sia il presidente, e non fare le cheerleader indossando la mascherina dell’uno o dell’altro candidato”. Lo ha detto il sottosegretario agli esteri, Manlio Di Stefano, a Rainews24. Un riferimento a Matteo Salvini? “Certamente si’. Fortunatamente non governa Salvini e quindi non e’ un problema. Noi non siamo cosi’ superficiali e quindi non ci siamo schierati”, ha aggiunto Di Stefano.

Usa 2020, Pd: speriamo offese Di Stefano per notte in bianco – “Vogliamo sperare che le offese del sottosegretario degli esteri Di Stefano agli alleati Di governo, cioe’ a noi del Pd, siano dovute alla profonda stanchezza Di questa notte elettorale passata in bianco”. Cosi’ il deputato e responsabile Esteri del Pd Emanuele Fiano. “D’altra parte il PD non si vergogna Di avere opinioni politiche sugli Stati Uniti, come per esempio per il giudizio critico che noi diamo della visione molto unilaterale della loro politica estera che abbiamo vissuto in questi anni, pur ovviamente rispettando e onorando come sempre il verdetto degli elettori americani e della loro democrazia e ovviamente confermando che proprio noi del PD saremo certamente i piu’ forti sostenitori dei nostri rapporti di alleanza con chiunque governerà gli Usa”, aggiunge Fiano.

USA 2020, MARCUCCI: DI STEFANO HA PERSO OCCASIONE PER STARE ZITTO

“Ha perso un’altra occasione per stare zitto. Il Pd per radici, storia e cultura politica sostiene da sempre i democratici americani e naturalmente Biden”, ha risposto invece su twitter il capogruppo dem a Palazzo Madama replica ad alcune affermazioni del 5 stelle Manlio Di Stefano. affaritaliani.it

Condividi