Lockdown selettivo: vogliono chiudere in casa gli ultra 70enni

In corso la riunione tra Giuseppe Conte e governatori in vista del nuovo dpcm per fronteggiare l’emergenza coronavirus, che il presidente del Consiglio dovrebbe firmare tra lunedì e martedì. Si tratta su diverse strette (ve ne diamo conto approfonditamente qui): coprifuoco anticipato, istituzione di zone rosse, chiusure di altri esercizi commerciali. L’extrema ratio è il lockdown di realtà locali, delle zone più colpite dalla pandemia, di grandi città come Milano e Napoli su tutte. Un lockdown che viene dato per imminente e che, però, tutti vorrebbero evitare.

Ed è in questo contesto che trapelano le prime indiscrezioni dal vertice, rilanciate dal Corriere della Sera. Nel dettaglio, è stata proposta una limitazione agli spostamenti per le persone che hanno più di 70 anni, una sorta di “lockdown selettivo”. Il primo a proporre la misura, si apprende, è stato il governatore della Liguria, Giovanni Toti. La misura sarebbe stata condivisa da Attilio Fontana, Lombardia, e da Alberto Cirio, Piemonte perché sarebbero gli anziani i più colpiti, tra gli over-70 si registra il maggior numero di morti e ricoveri. E così, ecco che si fa largo un’ipotesi che fino ad oggi era stata soltanto evocata. Obiettivo sarebbe qello di evitare lockdown totali. liberoquotidiano.it

Condividi