Covid, Lazio: reclutamento dei medici in pensione

“Da lunedì sarà pubblicato un bando per il reclutamento straordinario di personale medico in quiescenza, in particolar modo nella disciplina di anestesia e rianimazione”. Lo comunica l’Unità di Crisi Covid-19 della Regione Lazio.

“Sarà l’azienda ospedaliera San Giovanni a svolgere la procedura di reclutamento online. Questo avviso di reclutamento è indispensabile vista la cronica carenza, a livello nazionale, di alcune figure che sono molto al di sotto del fabbisogno necessario”, si legge in una nota.

Consulcesi – “Contro la carenza cronica di medici in Italia, ancora più evidente in piena emergenza Covid-19, bisognerebbe agire alla radice del problema, ovvero dalle università: il sistema del numero chiuso, in vigore dal 1999, è alla base di questo vuoto. Se mancano 56mila camici bianchi, che senso ha escludere ogni anno circa 50mila aspiranti medici?”.

A parlare è Massimo Tortorella, presidente Consulcesi, il network legale e di formazione dei professionisti della sanità. La carenza è in ogni parte d’Italia: dal Veneto, dove secondo il governatore Luca Zaia mancherebbero 1.300 medici, alla Campania, dove i “bandi pubblici già esperiti non hanno prodotto la sufficiente copertura”, come ha detto il presidente della Regione Vincenzo De Luca. E secondo l’ex capo della Protezione civile Guido Bertolaso senza medici il nostro “sistema sanitario ha un’autonomia di due mesi”.

Consulcesi: ‘In Italia mancano 56mila medici, rivedere numero chiuso’

Condividi