Processo rinviato tre volte. Accoltellò la moglie, albanese libero

Il Coronavirus fa paura anche nei tribunali. I continui rinvii di udienze anche penalmente rivelanti sta provocando il caos. E’ il caso della vicenda di Bolzano, dove a causa di continui slittamenti causa Covid che rallenta tutte le sentenze dei giudici e quindi le eventuali condanne, è tornato in libertà un uomo accusato di tentato omicidio: scaduti i termini delle misure cautelari.

La notizia ha sconvolto la vittima, l’ex moglie che è costretta a vivere con le tre figlie piccole in una struttura protetta e che ora teme per la propria incolumità, visto che l’aggressore sarà libero di girare per la città in cui vive la donna.

Il giudice Peter Michaeler ha deciso l’ennesimo slittamento del procedimento contro questo 41enne di origine albanese che lo scorso anno accoltellò la moglie in pieno giorno sotto gli occhi di una delle loro bambine. Lei finì in rianimazione, lui in carcere. Ora è libero. Davanti al tribunale protesta di Gea che lotta contro la violenza sulle donne.  affaritaliani.it

Condividi