Onu, Bachelet: mettere al centro i diritti umani dei migranti

Bachelet (Onu) e Soros

L’Ufficio dell’Alto Commissario Onu per i diritti umani ha oggi chiesto un’azione urgente per affrontare la terribile situazione dei migranti che cercano di attraversare il Mediterraneo centrale e le condizioni sconvolgenti che affrontano in Libia, in mare e, spesso, all’arrivo in Europa.

L’appello fa seguito a una missione di una settimana a Malta, di un team di esperti che ha intervistato 76 migranti. Quest’ultimi hanno descritto la continua violenza e insicurezza che devono affrontare in Libia, afferma un comunicato reso noto a Ginevra. Molti hanno riferito di essere stati intercettati durante le traversate in mare dalla guardia costiera libica, di aver visto le loro barche colpite. Secondo le testimonianze,almeno una volta le forze armate di Malta hanno tentato di riportare indietro una barca di migranti in Libia, e un’altra volta, di respingere una barca verso da Lampedusa.

Alcuni hanno inoltre riferito che le navi commerciali non sono venute in loro aiuto e altri che le barche commerciali li hanno rimandati in Libia. “Se vere, si tratta di gravi accuse di mancata assistenza alle persone in pericolo in mare e di tentativi di respingimenti coordinati che devono essere indagate in modo approfondito”, afferma il comunicato dell’Onu.

Per gli esperti, le persone soccorse e sbarcate sulle coste europee sono troppo spesso esposte al rischio di detenzioni arbitrarie. Per Michelle Bachelet, Alto Commissario Onu per i diritti umani,”quanto sta accadendo ai migranti a Malta – e altrove in Europa – è il risultato di un fallimento del sistema di governance della migrazione, che non mette al centro i diritti umani dei migranti e dei rifugiati e che è stato per troppo tempo segnato da una mancanza di solidarietà che costringe Stati in prima linea come Malta a sopportare il peso maggiore della responsabilità “. Bachelet ha quindi esortato l’Ue a garantire che il Patto sulla migrazione e l’asilo affronti queste sfide con un approccio comune e basato sui principi che garantiscano rispetto e protezione dei diritti umani dei migranti e dei rifugiati. (ANSA).

Boldrini e Bachelet (Onu)

Condividi