M5s, aumento di stipendio anche a Bonisoli

Non c’è solo Pasquale Tridico tra i dirigenti statali con stipendi d’oro. Alberto Bonisoli, ex ministro grillino ai Beni culturali, lo scorso dicembre è stato nominato presidente del Formez, associazione riconosciuta con personalità giuridica di diritto privato, in house alla Presidenza del Consiglio che si occupa di servizi, assistenza, studi e formazione per l’ammodernamento delle P.A.

Ebbene per Bonissoli, scrive Repubblica, che gestisce 300 dipendenti e un patrimonio da 40 milioni l’anno (L’Inps ha 30 mila dipendenti e gestisce 300 miliardi l’anno) il “29 aprile scorso con una delibera firmata dalla ministra grillina della Pubblica amministrazione Fabiana Dadone, si è deciso che ha diritto a 142 mila euro lordi l’anno più 30 mila di rimborsi. Totale, 172 mila contro i 150 mila del presidente dell’Inps”.

Non solo. La delibera riconosce a “Bonisoli pure nel 2020 oltre allo stipendio un forfait di 15 mila euro perché nei primi mesi del suo mandato non era stato ancora nominato il direttore generale. Toccando a lui il compito di farne le veci”.

Una nomina, quella di Bonissoli, più che sospetta: il suo curriculum infatti non rispetta quanto richiesto, da statuto, agli valutati per il medesimo incarico vale a dire “esperienza decennale nel settore della formazione e dell’organizzazione delle pubbliche amministrazioni”.  liberoquotidiano.it

Condividi

 

One thought on “M5s, aumento di stipendio anche a Bonisoli

  1. Una vergogna infinita che i sindacati si portano dietro per avere contribuito a creare le diseguaglianze sociali che abbiamo oggi in Italia

Comments are closed.