Violenze in Usa, Trump: “Non sono manifestanti ma anarchici saccheggiatori”

“Non sono manifestanti. Sono anarchici, agitatori, rivoltosi, saccheggiatori”. Così dal New Hampshire Donald Trump ha descritto chi negli Stati Uniti contro chi dice di protestare contro razzismo e violenze della polizia. Nel frattempo a Washington si erano già radunate decine di migliaia di persone a 57 anni dallo storico discorso di Martin Luther King, ‘I have a dream’.

Trump si è lamentato delle proteste a Washington dopo il suo discorso di accettazione della nomination in vista delle presidenziali di novembre e ha accusato il sindaco Muriel Bowser di non fare abbastanza.

I manifestanti, ha sostenuto il presidente, “non hanno nulla a che vedere con George Floyd. Non sanno neanche chi sia”. Poi nuove critiche a Joe Biden, considerato un “fantoccio”. “Credo – ha detto Trump – di avere l’onore di presentarmi contro il peggior candidato del partito democratico”. Poi l’invito agli elettori a votare per lui “per salvare la democrazia”. con fonte adnkr

Condividi