Luttwak: campagna dei media per Black lives matters danneggia i neri

“Chi pagherà il prezzo della campagna dei media sono solamente i neri”. Edward Luttwak, in collegamento con Nicola Porro a Quarta Repubblica, ribalta completamente il quadro di una narrazione, quella della tragica morte dell’afroamericano George Floyd per mano di un poliziotto bianco, che la sinistra internazionale sta utilizzando per far cadere Donald Trump. Per Luttwak è proprio questa distorsione il punto centrale della vicenda politica: “In America c’è sempre una rivolta in corso, in questo momento la stampa è molto contro Trump“.

A testimonianza della strumentalizzazione in atto, ecco Christian Raimo. Secondo lo scrittore di ultra-sinistra ospite di Porro, la situazione americana è paragonabile a quella italiana. Ribatte Marco Gervasoni: “Non c’è assolutamente nessun problema razziale in Italia, la differenza è che i neri in America sono stati portati come schiavi e qui gli stranieri sono arrivati di propria sponte“.

Lo storico esponente dei verdi Paolo Cento, però, dalla sua casa romana assicura: “In America c’è una rivolta perché è stato ucciso un nero ed è riesplosa una questione razziale mai sopita, è una rivolta sacrosanta per la giustizia”.  liberoquotidiano.it

Gli antirazzisti hanno distrutto i quartieri delle persone di colore

Condividi