Coronavirus, reagisce ai controlli e morde carabiniere: nigeriana subito libera

di Federico Garau – – Ha perso letteralmente le staffe, rendendosi protagonista di una scena di autentica follia nel corso di un semplice controllo di routine effettuato dai carabinieri del nucleo operativo radiomobile di Brindisi, arrivando ad aggredirli ed addirittura a ferire con un morso il braccio di uno di essi. Ciò nonostante la responsabile, una nigeriana di 36 anni, è potuta tornare subito a piede libero.

Il deprecabile episodio, secondo quanto riferito dai quotidiani locali , si è verificato durante la serata dello scorso martedì 15 aprile in una traversa di via Cappuccini. Qui i carabinieri della stazione di Brindisi Centro, impegnati in un’operazione di pattugliamento del territorio finalizzata a verificare il rispetto delle norme anti-contagio emanate dal governo ed a tutelare la salute dei cittadini, hanno notato la straniera e quindi deciso di sottoporla a delle verifiche.

Alla semplice richiesta di esibire i documenti personali o di declinare le proprie generalità, infatti, la donna è andata immediatamente su tutte le furie, cominciando ad urlare ed inveire contro i militari per poi  scagliarsi con una furia contro di loro, arrivando ad afferrare ed a mordere l’avambraccio destro di uno degli uomini in divisa. La situazione, degenerata in fretta, è fortunatamente ritornata presto alla calma quando i militari sono riusciti ad immobilizzare l’esagitata ed a caricarla con fatica a bordo della gazzella.

Tradotta negli uffici della caserma di Brindisi per le usuali pratiche di identificazione ed incriminazione, la nigeriana è risultata essere una 36enne regolare in Italia ed in possesso di un permesso di soggiorno per motivi umanitari. Non trattandosi dunque di una clandestina, rimangono incomprensibili le motivazioni alla base della sua violenta reazione durante i controlli. Pur avendola interrogata, i carabinieri non sono riusciti ad ottenere una risposta in merito.

Accusata di resistenza e violenza a pubblico ufficiale, la donna nigeriana è stata dichiarata in arresto, ma il fermo è risultato di breve durata. Stando a quanto riferito dalla stampa, infatti, la 36enne è stata rilasciata ed è tornata subito a piede libero. In seguito all’aggressione subita, il militare morso al braccio ha ricevuto le cure del caso. Per lui, fortunatamente, nessuna grave conseguenza.

www.ilgiornale.it

Condividi

 

Seguici sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguici sul Social VK https://vk.com/imolaoggi